Community » Forum » Recensioni

Le ultime lune
5 1 0
Bordon, Furio <1943->

Le ultime lune

Venezia : Marsilio, 2000

Moderators: Valentina Tosi

62 Visite, 1 Messaggi

Le ultime lune è una pièce teatrale in due atti scritta da Furio Bordon nel 1992 quando era direttore artistico del Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia e che debuttò nel 1994 il 10 novembre al Teatro Carlo Goldoni di Venezia per la regia di Giulio Bosetti e l´interpretazione di Marcello Mastroianni (il padre), di Erika Blanc (la madre) e di Giorgio Locuratolo (il figlio). Fu un immediato successo, tanto che il dramma è stato tradotto in venti lingue e rappresentato in trenta paesi.
Perché questo straordinario esito favorevole, che cosa ha indotto migliaia di spettatori ad accorrere per vedere questa pièce?
Si tratta dell´argomento trattato, di quella vecchiaia che è propria di tutti gli esseri umani, e che Furio Bordon ha saputo fare oggetto di una particolare riflessione, da cui scaturiscono i drammi, piccoli e grandi, e anche le dolcezze di questa ultima età. Nella vicenda dell´anziano che è per l´ultima volta nella sua camera, solo e in attesa del ritorno dal lavoro del figlio che lo condurrà poi a una casa di riposo, si specchia ineluttabile un destino di tanti a una certa età e proprio a una certa età, non potendo vivere in funzione del futuro, si vive del passato; è così che l´uomo inganna il tempo che gli manca per la partenza conversando con la moglie morta da molto tempo, un colloquio struggente che ripercorre tutta una vita e che gli fa dire " La felicità è tutta nel passato." Poi, arriva il figlio e ii discorso diventa fra vivi, con qualche bisticcio anche, e ancora con gli interventi della moglie, che è quella parte dell´anima del vecchio che lo rende ritroso a lasciare la casa, consapevole che la prossima dimora sarà quella in cui finirà con il morire. E´ molto bello anche il tentativo, blando, del figlio di trattenerlo, blando perché comprende le ragioni del padre, ma è anche vero che non si sente di avere fra quelle quattro mura un morituro, a parte l´egoismo di avere a disposizione una camera in più per i figli. Finisce il primo atto e si arriva al secondo, con l´anziano che ormai ospitato a Villa Delizia si è ritagliato un angolo di indipendenza in una soffitta dove coltiva una pianta di basilico, quasi a voler affermare il desiderio di veder crescere una vita fra tante che lentamente si spengono. E lì, nell´attesa di oltrepassare l´ultima porta, accomunati tutti dallo stesso destino come i soldati in una trincea, lui, in un ultimo sussulto, decide di non lasciarsi andare, di non anticipare la sua dipartita, riscopre la sacralità della vita che merita di essere vissuta fino all´ultimo, con l´unico desiderio di scegliere il tempo per la sua morte. Gli piacerebbe tanto a Natale, con il grande albero illuminato, in mezzo alla piazza, mentre la neve cade lenta.
Sì, la felicità è nel passato, ha proprio ragione Furio Bordon.
Da leggere, è un capolavoro.

  • «
  • 1
  • »

918 Messaggi in 885 Discussioni di 125 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.