Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 2007
× Editore Giulio Einaudi editore <Torino>
× Soggetto Pendergast, Aloysius <personaggio di Douglas Preston e Lincoln Child>
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto New York <città>
× Editore Piemme <casa editrice>

Trovati 7 documenti.

Mostra parametri
Il sotterraneo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Leather, Stephen <1956->

Il sotterraneo / Stephen Leather ; traduzione di Lucio Carbonelli

[Milano] : Sperling & Kupfer, 2012

Abstract: New York. Con una popolazione di circa quindici milioni di abitanti, è facile passare inosservati. Anche se sei un serial killer che tortura e uccide donne giovani, belle, di professione segretarie. L'assassino ha ora catturato una nuova vittima e la tiene prigioniera in un sotterraneo, da qualche parte in città. Ai detective del dipartimento di polizia Ed Turner e Lisa Marcinko tocca l'ingrato compito di passare al setaccio quei quindici milioni fino a trovare il colpevole, prima che sia troppo tardi. E questa volta sono sicuri di averlo individuato: si tratta dell'aspirante sceneggiatore Marvin Waller. È sempre più frustrato perché non riesce ad avere successo, e i poliziotti pensano che la rabbia possa averlo portato a uccidere, anche se lui non sembra minimamente preoccupato di averli alle costole. Via via che il cerchio si stringe, Turner e Marcinko devono però domandarsi se sia davvero lui l'omicida. E, se non è lui, chi può essere? Serve tempo, ma il tempo è l'unica cosa che non hanno. Stephen Leather alterna la voce del sospettato con quella dell'assassino, costringendo il lettore a penetrare nella mente di un serial killer disturbato, in una combinazione di suspense e terrore, fino allo sconvolgente, imprevedibile, finale.

Il castigo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Verdon, John <1942->

Il castigo / John Verdon ; traduzione di Alfredo Colitto

Milano : Piemme, 2011

Abstract: Gli invitati sono tutti riuniti nel giardino della grande villa per brindare agli sposi: lui è uno psichiatra illustre e controverso, lei una giovane rampolla dell'alta società newyorchese. La sposa si fa attendere, come nelle migliori tradizioni. Ma quando il ritardo si fa imbarazzante, iniziano a cercarla. E la scoperta è macabra: la ragazza è in un cottage al limitare del bosco, decapitata con un machete. La concomitante scomparsa del giardiniere messicano fa subito ricadere i sospetti su di lui, ma le ricerche della polizia sono vane: l'uomo sembra essersi volatilizzato. Senza lasciare traccia. Né prove. Né movente plausibile. La pista seguita non convince la madre della vittima, che si rivolge a David Gurney, ex detective della Omicidi di New York. Da più di un anno ha abbandonato il distintivo, ma a quanto pare gli è impossibile godersi la pensione: ogni volta che un'indagine mette in crisi ogni logica, Gurney finisce per essere chiamato in causa. Solo lui sarà in grado di raccogliere la sfida di un killer così sfuggente da far dubitare della sua reale esistenza. Così geniale da riuscire a orchestrare nell'ombra un piano sadico e spietato. E pronto a colpire lo stesso Gurney, di cui conosce il punto più vulnerabile.

Allison corre nel buio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

O'Connell, Carol <1947->

Allison corre nel buio / Carol O'Connell ; traduzione di Maria Clara Pasetti

Milano : Piemme, 2012

Abstract: Lo zio si è trasformato in un albero. Non sono solo le parole che escono dalla sua bocca a fare di Coco una bambina strana. I tratti del viso insoliti, un sorriso fin troppo generoso, la maglietta macchiata di sangue con cui si aggira da sola per Central Park. Eppure il senso di quella frase diventa chiaro quando la polizia ritrova il corpo dello zio Red, a cui qualcuno ha riservato un trattamento a dir poco sadico: dopo averlo legato e chiuso in un sacco, lo ha issato a un ramo. L'agente Kathy Mallory si prende subito a cuore la sorte della ragazzina, la cui mente confusa chiama zio quell'uomo che invece l'aveva rapita con le peggiori intenzioni, e che ora ha pagato per le sue colpe. Ma soprattutto intuisce che Coco è una testimone chiave per arrivare all'assassino. Una testimone preziosa quando, poco dopo, altre due persone vengono ritrovate nelle stesse condizioni. Le tre vittime avevano frequentato in passato la medesima scuola, un istituto di beneficenza di proprietà di Grace Driscol, donna ricca e molto odiata. Avida ed egoista, non si è fatta scrupoli a servirsi per i propri scopi della figlia, Phoebe, mentalmente instabile. La ragazza non si è mai del tutto ripresa da una serie di episodi drammatici avvenuti quindici anni prima. Ma Mallory conosce i meccanismi di una mente criminale e comprende che Phoebe non è la sola a non essersi lasciata alle spalle quel passato di violenza. Forse è proprio lì che deve iniziare a cercare le risposte di cui ha bisogno.

L'enigmista
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Verdon, John <1942->

L'enigmista / John Verdon ; traduzione di Alfredo Colitto

Milano : Piemme, 2011

Abstract: Pensa a un numero da uno a mille. Il primo che ti viene in mente. Ora apri l'altra busta. Vedrai come conosco bene i tuoi segreti. Mark Mellery è colto alla sprovvista da quel messaggio anonimo, vergato in inchiostro rosso con una grafia elegante, arrivatogli per posta. Ma la sua sorpresa è ancora più grande quando, aperto il secondo biglietto, vede scritto proprio il numero che ha appena pensato: 658. Dal canto suo, il mittente sconosciuto non ha intenzione di mollare la presa e continua per giorni a tenerlo sulla corda con nuovi enigmi, lettere criptiche e versi minacciosi, sempre composti con mano precisa e ordinata. Finché quel gioco si fa troppo inquietante e Mellery, che ormai rischia di impazzire, chiede aiuto a un vecchio compagno di studi: Dave Gurney, pluridecorato agente della polizia di New York. Benché Gurney sia già in pensione, quel caso è una tentazione troppo forte per il suo istinto di detective. E ben presto l'ex agente si ritrova a dare la caccia a un serial killer che firma le scene dei suoi crimini con la stessa cura con cui scrive i suoi messaggi: un unico colpo di pistola alla carotide, una sedia a sdraio da cui osservare l'agonia della vittima, una bottiglia di whisky rotta, sempre la stessa marca, con cui accanirsi infine sulla gola del cadavere. Mellery non sarà che la prima vittima. A Gurney il compito di fermare quel gioco mortale. Prima di entrare nella lista dei predestinati.

La strada delle anime perse
0 0 0
Materiale linguistico moderno

O'Connell, Carol <1947->

La strada delle anime perse / Carol O'Connell

Casale Monferrato : Piemme, 2009

Abstract: La donna è accasciata sul pavimento; il volto di cera, intonso, e gli occhi chiusi danno l'impressione che dorma, di un sonno triste però, senza speranze né desideri. Solo il busto, coperto di sangue e attraversato da una profonda ferita da arma da fuoco, la rende differente dai tanti corpi stanchi che trovano riposo nella notte. Accanto a lei un biglietto con scritto l'amore è la mia morte. Per il sergente Riker, agente della polizia di New York, il caso potrebbe essere archiviato subito come l'ennesimo suicidio, ma la vittima, Savannah Sirus, è morta nell'appartamento di Kathy Mallory, sua collega al dipartimento, di cui non si hanno notizie da giorni. Nell'appartamento non ci sono tracce di Mallory, ma pare che Savannah abbia vissuto con lei per qualche tempo. Così Riker decide di cercarla, non può che credere alla sua innocenza, ma conosce Mallory e sa che rispettare le regole non è mai stato il suo forte, e questa volta potrebbe costarle la carriera o forse qualcosa di più.

Il gioco del tempo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Morrell, David <1943->

Il gioco del tempo / David Morrell

Casale Monferrato : Piemme, 2008

Abstract: Le notti di Frank Balenger sono agitate da fantasmi. Quelli della Guerra del Golfo, dove ha combattuto anni prima. E quelli del Paragon Hotel, dove ha perso tragicamente la moglie. E poi c'è Amanda, cui Frank ha salvato la vita liberandola da uno psicopatico. Amanda: così simile - troppo simile - a Diane. Insieme a lei, Frank sembra aver ritrovato un equilibrio. La sua vita scorre tranquilla quando viene invitato alla Società storica Manhattan per una conferenza sulle capsule del tempo. Ma l'evento è una trappola, gli invitati vengono drogati e, quando Frank riprende i sensi, si accorge che Amanda è scomparsa. È stata rapita insieme ad altri quattro, prigionieri di un folle che si fa chiamare il regista del gioco, genio informatico e genio del male. Saranno cavie per un videogame da lui ideato, i cui protagonisti sono esseri umani, e il cui scopo è recuperare una capsula del tempo vecchia di un secolo, la più antica sul suolo americano, unica memoria di un presunto suicidio di massa. Tempo limite: quaranta ore.

La bambina di casa Winter
0 0 0
Materiale linguistico moderno

O'Connell, Carol <1947->

La bambina di casa Winter / Carol O'Connell ; traduzione di Maria Clara Pasetti

Casale Monferrato : Piemme, c2006

Abstract: Quando un serial killer viene trovato morto in una ricca dimora di New York, con un paio di forbici piantate nel petto e un punteruolo da ghiaccio in mano, Kathy Mallory è chiamata a investigare. Apparentemente si tratta di legittima difesa. L'uomo si era intrufolato di notte nella grande casa sul Central Park, forse per rubare, suscitando la reazione di Nedda Winter, un'anziana signora che non ha alcun problema a confessare il suo omicidio. Il caso sembra chiuso. Se non fosse che la vittima è un serial killer arrestato da Mallory e libero su cauzione, e Nedda Winter è l'unica sopravvissuta a una strage compiuta a Winter House sessant'anni prima, in cui erano stati uccisi tutti gli abitanti della casa con un punteruolo da ghiaccio...