Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 2007
× Editore La *Biblioteca di Repubblica-L'Espresso <marchio editoriale>
× Soggetto Commissario Ricciardi
Includi: tutti i seguenti filtri
× Nomi De Giovanni, Maurizio <1958->
× Data 2016
× Paese Italia

Trovati 2 documenti.

Mostra parametri
Buio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Giovanni, Maurizio <1958->

Buio : per i bastardi di Pizzofalcone / Maurizio De Giovanni

2. ed

Torino : Einaudi, 2016

Abstract: Nel tepore ingannevole di un maggio malato, il raccogliticcio gruppo di investigatori comandato da Gigi Palma si trova a fronteggiare un crimine terribile: un bambino di dieci anni, nipote di un ricco imprenditore, è stato rapito. Le indagini procedono a tentoni, mentre il buio si impadronisce lentamente dei cuori e delle anime e la morsa di una crisi di cui nessuno intravede l'uscita stravolge le vite di tanti, spegnendo i sentimenti più profondi. Anche un banale furto in un appartamento può nascondere le peggiori sorprese. I Bastardi dovranno essere più uniti che mai, per trovare insieme la forza di sporgersi su un abisso di menzogne e rancori dove non balena alcuna luce. Intanto, nel commissariato più chiacchierato della città, i rapporti di lavoro e quelli personali si complicano, e il vecchio Pisanelli prosegue la sua battaglia solitaria contro un serial killer alla cui esistenza nessuno vuole credere.

Gelo
0 0 0
Disco (CD)

De Giovanni, Maurizio <1958->

Gelo : per i Bastardi di Pizzofalcone / Maurizio de Giovanni ; letto da Peppe Servillo

Versione integrale

Roma : Emons, 2016

Abstract: Sul golfo di Napoli il sole splende spietato. Anche tra le ferite dei vicoli rionali qualche raggio illumina i cortili interni. Ma l’omicidio di un fratello e una sorella, apparentemente privo di movente, costringerà i Bastardi di Pizzofalcone a confrontarsi ognuno con il proprio inverno, un gelo che rischia di avvolgerli tutti con le proprie paure. La lingua sfacciata, violenta e tenera di una delle più belle e contraddittorie città italiane risuona nella voce di Peppe Servillo.