Includi: tutti i seguenti filtri
× Editore Longanesi <casa editrice>
× Data 2011
× Soggetto New York <città>
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Paetro, Maxine <1946->
× Genere Fiction
× Nomi Cerutti Pini, Donatella <traduttrice>

Trovati 2 documenti.

Mostra parametri
I dodici segni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Child, Lee <1954->

I dodici segni : romanzo / di Lee Child ; traduzione di Adria Tissoni

Milano : Longanesi, 2011

Abstract: Manhattan, tre di notte. Un vagone della metropolitana semivuoto corre sotto la città. A bordo, Jack Reacher, l'eroe solitario che ha scelto una vita da vagabondo per le strade d'America, munito solo di un passaporto e di uno spazzolino da denti, un uomo che cerca di sfuggire i guai tanto quanto i guai cercano di raggiungere lui. Mentre cerca di ammazzare la noia del viaggio, Reacher nota qualcosa di strano nel comportamento di una delle passeggere. Tutto in lei sembra corrispondere alle caratteristiche elencate in un documento segreto stilato dai servizi segreti israeliani per individuare un terrorista suicida. Avvicinatosi alla presunta terrorista, Reacher si qualifica, mentendo, come poliziotto e le chiede di togliere lentamente la mano dalla borsa che tiene in grembo, ma invece del pulsante detonatore, la donna estrae una pistola e si suicida. Questa morte assurda e inspiegabile, l'intervento immediato di uomini del dipartimento di Stato e dell'FBI, nonché la rivelazione che la donna, Susan Mak, era un'impiegata del Pentagono, spingono Reacher, come sempre solo contro tutti, a voler vederci chiaro...

L'inverno del giustiziere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bourne, Sam

L'inverno del giustiziere : romanzo / di Sam Bourne ; traduzione di Michele Lasvet

Milano : Longanesi, 2011

Abstract: È alto, massiccio, ha un cappello nero calcato in testa e un cappotto nero col bavero rialzato, a nascondere i lineamenti. Si sta avvicinando alla sede delle Nazioni Unite. È un sospetto terrorista, probabilmente sta per compiere un attentato suicida, va fermato. Avviene tutto in un istante, tutto troppo in fretta. La guardia di turno all'ingresso visitatori dell'ONU spara. L'uomo in nero cade a terra, morto. E solo a quel punto si scopre il tragico errore: l'uomo è solo un anziano disarmato. È Gerald Merton, un inglese di origine lituana. La risonanza del tragico evento deve essere ridotta al minimo, e l'ONU ha la persona giusta a cui rivolgersi, Tom Byrne, un brillante avvocato che, dopo un passato idealista, ora è pronto a tutto per denaro. Quello che Byrne ancora non sa è che Merton è un sopravvissuto alla Shoah e che ha avuto un ruolo chiave nel secondo dopoguerra...