Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Omicidi seriali
× Editore Piemme <casa editrice>
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Guani, Valentina <traduttrice>
× Nomi Connelly, Michael <1956->

Trovati 17 documenti.

Mostra parametri
Complicazioni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Adamson, Isaac - Adamson, Isaac

Complicazioni / Isaac Adamson ; traduzione di Stefano Bortolussi

Milano : Piemme, 2014

Abstract: Un omicidio senza colpevole, e forse anche senza vittima. Un serial killer che si diverte a mozzare mani. Una donna misteriosa che ama i bar bui e fumosi. Non è esattamente per turismo che l'americano Lee Holloway è volato a Praga, ma per tutte queste ragioni messe insieme. Da quando Vera, la donna che ama i bar bui e fumosi, gli ha scritto una lettera, rivelandogli che la morte, finora creduta accidentale, del fratello di Lee, Paul, accidentale non lo è stata affatto. Perché a quanto pare Paul si era impelagato nel furto di un oggetto custodito nel cuore più nascosto di Praga, un orologio vecchio di secoli, realizzato da un famoso alchimista. Un marchingegno in grado, con le sue lancette che vanno contemporaneamente avanti e indietro, di fermare il tempo... Nei vicoli praghesi, sballottato tra passato e presente, l'ignaro Lee si troverà così alle prese con un'indagine dalle mille complicazioni. Letteralmente.

Gli anagrammi di Varsavia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zimler, Richard <1956->

Gli anagrammi di Varsavia / Richard Zimler ; traduzione di Margherita Crepax

Milano : Piemme, 2012

Abstract: Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Il predatore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

McFadyen, Cody

Il predatore / Cody McFadyen ; traduzione di Alfredo Colitto

Milano : Piemme, 2012

Abstract: L'agente FBI Smoky Barrett ha perso il marito e la figlia per mano di un folle omicida. Dopo tre anni, si è rifatta una vita: ha di nuovo un uomo accanto e una ragazzina di cui prendersi cura. Ma la tranquillità è destinata a durare poco. Durante il matrimonio di una collega, una macchina sopraggiunge a gran velocità e, senza neppure fermarsi, scaraventa sul selciato davanti alla chiesa una donna. Ha il capo rasato e porta segni di tortura. Vittima di uno psicopatico che l'ha tenuta segregata per sette anni, è solo una delle tante donne a cui quel sadico, che si fa chiamare Dalì, ha riservato questo trattamento. Ora è a Smoky Barrett che ha lanciato la sfida. E sa benissimo dove colpire, per rendere la sua trappola mortale.

Il sotterraneo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Leather, Stephen <1956->

Il sotterraneo / Stephen Leather ; traduzione di Lucio Carbonelli

[Milano] : Sperling & Kupfer, 2012

Abstract: New York. Con una popolazione di circa quindici milioni di abitanti, è facile passare inosservati. Anche se sei un serial killer che tortura e uccide donne giovani, belle, di professione segretarie. L'assassino ha ora catturato una nuova vittima e la tiene prigioniera in un sotterraneo, da qualche parte in città. Ai detective del dipartimento di polizia Ed Turner e Lisa Marcinko tocca l'ingrato compito di passare al setaccio quei quindici milioni fino a trovare il colpevole, prima che sia troppo tardi. E questa volta sono sicuri di averlo individuato: si tratta dell'aspirante sceneggiatore Marvin Waller. È sempre più frustrato perché non riesce ad avere successo, e i poliziotti pensano che la rabbia possa averlo portato a uccidere, anche se lui non sembra minimamente preoccupato di averli alle costole. Via via che il cerchio si stringe, Turner e Marcinko devono però domandarsi se sia davvero lui l'omicida. E, se non è lui, chi può essere? Serve tempo, ma il tempo è l'unica cosa che non hanno. Stephen Leather alterna la voce del sospettato con quella dell'assassino, costringendo il lettore a penetrare nella mente di un serial killer disturbato, in una combinazione di suspense e terrore, fino allo sconvolgente, imprevedibile, finale.

Allison corre nel buio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

O'Connell, Carol <1947->

Allison corre nel buio / Carol O'Connell ; traduzione di Maria Clara Pasetti

Milano : Piemme, 2012

Abstract: Lo zio si è trasformato in un albero. Non sono solo le parole che escono dalla sua bocca a fare di Coco una bambina strana. I tratti del viso insoliti, un sorriso fin troppo generoso, la maglietta macchiata di sangue con cui si aggira da sola per Central Park. Eppure il senso di quella frase diventa chiaro quando la polizia ritrova il corpo dello zio Red, a cui qualcuno ha riservato un trattamento a dir poco sadico: dopo averlo legato e chiuso in un sacco, lo ha issato a un ramo. L'agente Kathy Mallory si prende subito a cuore la sorte della ragazzina, la cui mente confusa chiama zio quell'uomo che invece l'aveva rapita con le peggiori intenzioni, e che ora ha pagato per le sue colpe. Ma soprattutto intuisce che Coco è una testimone chiave per arrivare all'assassino. Una testimone preziosa quando, poco dopo, altre due persone vengono ritrovate nelle stesse condizioni. Le tre vittime avevano frequentato in passato la medesima scuola, un istituto di beneficenza di proprietà di Grace Driscol, donna ricca e molto odiata. Avida ed egoista, non si è fatta scrupoli a servirsi per i propri scopi della figlia, Phoebe, mentalmente instabile. La ragazza non si è mai del tutto ripresa da una serie di episodi drammatici avvenuti quindici anni prima. Ma Mallory conosce i meccanismi di una mente criminale e comprende che Phoebe non è la sola a non essersi lasciata alle spalle quel passato di violenza. Forse è proprio lì che deve iniziare a cercare le risposte di cui ha bisogno.

L'enigmista
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Verdon, John <1942->

L'enigmista / John Verdon ; traduzione di Alfredo Colitto

Milano : Piemme, 2011

Abstract: Pensa a un numero da uno a mille. Il primo che ti viene in mente. Ora apri l'altra busta. Vedrai come conosco bene i tuoi segreti. Mark Mellery è colto alla sprovvista da quel messaggio anonimo, vergato in inchiostro rosso con una grafia elegante, arrivatogli per posta. Ma la sua sorpresa è ancora più grande quando, aperto il secondo biglietto, vede scritto proprio il numero che ha appena pensato: 658. Dal canto suo, il mittente sconosciuto non ha intenzione di mollare la presa e continua per giorni a tenerlo sulla corda con nuovi enigmi, lettere criptiche e versi minacciosi, sempre composti con mano precisa e ordinata. Finché quel gioco si fa troppo inquietante e Mellery, che ormai rischia di impazzire, chiede aiuto a un vecchio compagno di studi: Dave Gurney, pluridecorato agente della polizia di New York. Benché Gurney sia già in pensione, quel caso è una tentazione troppo forte per il suo istinto di detective. E ben presto l'ex agente si ritrova a dare la caccia a un serial killer che firma le scene dei suoi crimini con la stessa cura con cui scrive i suoi messaggi: un unico colpo di pistola alla carotide, una sedia a sdraio da cui osservare l'agonia della vittima, una bottiglia di whisky rotta, sempre la stessa marca, con cui accanirsi infine sulla gola del cadavere. Mellery non sarà che la prima vittima. A Gurney il compito di fermare quel gioco mortale. Prima di entrare nella lista dei predestinati.

Esecuzione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Capobianchi, Angela

Esecuzione / Angela Capobianchi

Milano : Piemme, 2011

Abstract: Camminare in pineta di notte l'ha sempre resa nervosa. Il freddo, il silenzio spettrale e gli improvvisi fruscii del vento tra le foglie trasformano quel luogo, di giorno così piacevole, in uno scenario decisamente inquietante. Quella sera in particolare Adele Manin è costretta a inoltrarsi nella zona più fitta e desolata per cercare il suo cane che sembra scomparso tra i cespugli. Mentre cammina nel buio, sente una musica improvvisa provenire da una villa: si tratta di quella stravagante di Luisa Baratti, l'insegnante di piano, che si diverte a spaventare le poche anime che si addentrano fino a quel punto. Adele è rapita dalle note, ma avverte una forte inquietudine quando, a pochi metri dalla casa, scorge il proprio cane intento a rovistare in quello che sembra un mucchio di stracci. Avvicinandosi, Adele si accorge che quell'ammasso informe è in realtà il giovane corpo di una ragazza, le gambe divaricate, il volto inciso all'altezza della fronte, e sangue, sulle foglie, gli aghi, sangue dappertutto. Poi solo buio. Poche ore dopo viene incaricato delle indagini il commissario Riccardo Conti, un uomo tormentato, solo, in continua lotta con il proprio egoismo e con le richieste della moglie. Conti apprende ben presto che la vittima era un'allieva della Baratti, l'insegnante di piano più famosa della città, una donna arcigna e distaccata che non ha alcuna intenzione di collaborare con lui. Interrogando i compagni della ragazza, il commissario si rende conto che nascondono un segreto...

Io ti faro' del male
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Haas, Derek <1970->

Io ti faro' del male / Derek Haas ; traduzione di Alfredo Colitto

Milano : Piemme, 2010

Abstract: Si fa chiamare Columbus. Non è il suo vero nome, ma quello che gli ha dato Vespucci, il suo mediatore, l'uomo che gli procura il lavoro, il giorno in cui lo ha introdotto in un nuovo mondo fatto di clienti, ingaggi, denaro e sangue. È successo dieci anni prima, e il mondo è quello dei killer professionisti. Il suo vero nome non lo conosce nessuno, e a nessuno deve importare. Tutto ciò che conta è che Columbus non ha mai sbagliato un colpo, sembra nato per uccidere. Quando, però, gli viene commissionato l'omicidio di Abe Mann, il candidato democratico alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti, Columbus capisce che qualcosa non quadra. Nonostante non abbia mai conosciuto i propri genitori, ha scoperto molte cose su di loro nel corso degli anni. Sa che sua madre era una prostituta di colore, morta in circostanze poco chiare, e che suo padre è un uomo di spicco della scena politica. E ora conosce anche la data della sua morte, dato che proprio lui è stato incaricato di farlo fuori. Columbus, per la prima volta, ha paura di ciò che lo aspetta. Non che provi rimorso all'idea di sparare all'uomo che gli ha rovinato la vita, ma come ogni killer esperto sa che le coincidenze non esistono e che dietro a quell'ingaggio si nasconde molto di più. Quando poi rischia di prendersi una pallottola in testa mentre spia il suo bersaglio capisce che i suoi sospetti sono fondati. Da cacciatore è diventato preda. È arrivato il momento di scomparire senza lasciare traccia.

Indesiderata
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ohlsson, Kristina <1979->

Indesiderata / Kristina Ohlsson

Milano : Piemme, 2010

Abstract: Sul treno, stracolmo di passeggeri, che va da Göteborg a Stoccolma, in una piovosa giornata estiva, viaggiano una mamma e una bambina. Poco prima di giungere a destinazione, il treno si ferma per un problema tecnico e la mamma scende per informarsi sulle ragioni di quell'improvviso arresto, lasciando nella carrozza la sua piccola, addormentata. Un'imprudenza, perché il treno riparte e, all'arrivo, della bambina non c'è più traccia. A quanto pare, nessuno ha visto nulla e, dopo molte ricerche, non c'è che una conclusione: la bambina è stata rapita. Ma da chi? E perché? Le indagini, affidate all'ispettore Alex Recht, coadiuvato da Fredrika Bergman, una giovane analista investigativa che affianca il lavoro della polizia nei casi più complessi, si orientano, all'inizio, sul padre della bambina, un uomo violento e geloso, da cui la moglie si era separata in modo traumatico. Ma quando il cadavere della piccola viene ritrovato nel parcheggio di un ospedale, il caso si trasforma in un incubo. La bambina ha la testa rasata e, sulla fronte, una scritta: indesiderata. Alex e Fredrika capiscono di avere a che fare con un pericoloso psicopatico che potrebbe essere già in cerca della prossima vittima.

Maleficus
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Locatelli, Emma

Maleficus / Emma Locatelli

Milano : Piemme, 2010. -583 p. ; 22 cm.

Abstract: Nel terribile inverno del 1659, Satana sembra aver scelto come dimora Malzieu, uno sperduto villaggio delle Ardenne. Cadaveri di ragazzine affiorano dalla neve e una giovane vedova viene assalita da spaventose convulsioni. Per padre Jerome è opera del demonio, tanto più che la donna accusa il cognato Mathias Vigneules di averla stregata. Quando a indagare viene chiamato il feroce inquisitore di giustizia Pierre Bossuat, per Mathias comincia una lenta discesa nell'incubo. Ma inaspettatamente Melchior Percheval, un avvocato di fama dalla mente lucida, giunge dalla città per difenderlo. Cosa induce Percheval a rischiare la carriera per uno sconosciuto? Quali inconfessabili demoni, ben più concreti di quelli paventati da Bossuat, nasconde la sua scelta? Mentre Percheval fa i conti con il proprio passato, in paese la scia di morte si allunga. Convinto di fronteggiare una dilagante infezione demoniaca, l'inquisitore si appresta a compiere una spietata purificazione collettiva. Per l'avvocato, invece, ad agire nell'ombra sfruttando la credulità generale è uno spirito malvagio ma del tutto umano. Sullo sfondo dell'eterna lotta tra ragione e fanatismo, Percheval e l'amico medico Estienne mettono a repentaglio le loro vite in una corsa contro il tempo per scoprire la verità e impedire che altro sangue innocente venga versato.

Il ladro di sogni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pyper, Andrew <1968->

Il ladro di sogni : thriller / Andrew Pyper ; traduzione di Alfredo Colitto

Casale Monferrato : Piemme, 2009

Abstract: Da sempre Patrick Rush sogna di fare lo scrittore. O meglio, di essere un autore. Invece si è sempre dovuto accontentare di scrivere recensioni sul principale quotidiano di Toronto. Stroncature, per la verità: di romanzi altrui e di programmi tv spazzatura. Ma un giorno, per colmare la sua mancanza di ispirazione, decide di frequentare un laboratorio di scrittura: il Circolo Kensington. Nessuno tra i partecipanti spicca per particolare talento. Tranne Angela, che legge dal suo diario una favola inquietante: quella di una bambina perseguitata da una sorta di uomo nero che turba i suoi sogni, e che poi, fuggito dalla sua mente, entra nel mondo reale, dove comincia a rapire e fare a pezzi altre bambine. Mentre, di lezione in lezione, all'interno del circolo tutti ascoltano avvinti la storia di Angela (che Patrick registra di nascosto), in città un killer semina il panico, lasciando indizi criptici sui corpi smembrati delle sue vittime. Come se fantasia e realtà si fondessero pian piano. Inesorabilmente, quel cerchio di morte si stringe sempre più intorno a Patrick e a suo figlio Sam, di soli otto anni. Finché Patrick dovrà fare i conti con il senso di colpa per un furto mai dichiarato, e con una storia di cui ha voluto farsi autore ma che sembra ritorcersi contro di lui. Trasformato nel protagonista di una trama a lui oscura, avrà solo un modo per scoprire come andrà a finire: viverla sulla propria pelle.

Il sorriso dei demoni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Iles, Greg <1960->

Il sorriso dei demoni / Greg Iles

Milano : Piemme, 2009

Abstract: La donna dal volto sfigurato è una perfetta sconosciuta per il dottor Chris Shepard. Eppure, il medico si accorge subito che c'è qualcosa di strano in quella nuova paziente. Sarà per il suo sguardo glaciale e il tono deciso, che lo prendono alla sprovvista. O per quelle cicatrici sul lato destro del viso, che parlano di un dolore recente, e forse anche di incubi e ferite inferiori, demoni e sensi di colpa. Ma l'immediata rivelazione della donna è ancora più spiazzante: non si trova lì per un consulto medico, bensì per un problema che riguarda lo stesso dottor Shepard. La ricerca di un killer. Perché lei, Alex Morse, è un'agente dell'FBI e sta indagando in incognito su un avvocato divorzista della zona. Negli ultimi cinque anni, le mogli -o in qualche caso i mariti -di nove facoltosi clienti dell'avvocato in questione sono morte in circostanze misteriose. Anche se erano tutte giovani e in salute. L'ultima vittima della lista è Grace Morse, sorella di Alex, colpita all'improvviso da un'emorragia cerebrale. E la prossima potrebbe essere proprio il dottor Shepard, poiché sua moglie Thora ha consultato il legale appena una settimana prima. Per Chris Shepard, credere alle parole di Alex vorrà dire non solo mettere in discussione la felicità del suo matrimonio, ma anche pensare a salvarsi la pelle. E affiancare l'agente in una missione molto privata, per sventare il disegno omicida di un oscuro dottor morte.

La strada delle anime perse
0 0 0
Materiale linguistico moderno

O'Connell, Carol <1947->

La strada delle anime perse / Carol O'Connell

Casale Monferrato : Piemme, 2009

Abstract: La donna è accasciata sul pavimento; il volto di cera, intonso, e gli occhi chiusi danno l'impressione che dorma, di un sonno triste però, senza speranze né desideri. Solo il busto, coperto di sangue e attraversato da una profonda ferita da arma da fuoco, la rende differente dai tanti corpi stanchi che trovano riposo nella notte. Accanto a lei un biglietto con scritto l'amore è la mia morte. Per il sergente Riker, agente della polizia di New York, il caso potrebbe essere archiviato subito come l'ennesimo suicidio, ma la vittima, Savannah Sirus, è morta nell'appartamento di Kathy Mallory, sua collega al dipartimento, di cui non si hanno notizie da giorni. Nell'appartamento non ci sono tracce di Mallory, ma pare che Savannah abbia vissuto con lei per qualche tempo. Così Riker decide di cercarla, non può che credere alla sua innocenza, ma conosce Mallory e sa che rispettare le regole non è mai stato il suo forte, e questa volta potrebbe costarle la carriera o forse qualcosa di più.

La settima vittima
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Marinina, Alexandra <1957->

La settima vittima / Alexandra Marinina

Casale Monferrato (AL) : Piemme, 2007

Abstract: Anastasija Kamenenskaja della polizia criminale e la sua amica giudice Tatjana sonon ospiti di una trasmissione televisiva sulle donne che fanno lavori cosiddetti maschili. Nel corso della diretta, tra il pubblico, un ragazzo, pagato da un anonimo, solleva un foglio con la scritta Indovina dove incontrerai la morte?. Da quel momento, uno dopo l'altro, una serie di omicidi insanguina Mosca. Le vittime sono barboni, emarginati, handicappati, e sul cadavere di ciascuna viene trovato un pesce di ceramica che divora un bambolotto. E ogni volta, l'assassino sfida apertamente la polizia. Scoperto per caso che il pesce è un riferimento al pittore fiammingo Bosch, il sospetto principale diventa uno studioso, ammiratore dell'artista, che anni prima aveva perso un figlio in un'operazione di polizia. Ma le cose non possono essere così semplici, e più i cadaveri aumentano, più fitto si fa il mistero. Alla quarta vittima appare evidente che il filo conduttore degli omicidi sono i sette peccati capitali e che il film Seven è la fonte ispiratrice dell'assassino. Mancano dunque tre vittime all'appello: chi sarà la settima?

Il giardiniere notturno
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pelecanos, George <1957->

Il giardiniere notturno / George Pelecanos

Casale Monferrato : Piemme, 2007

Abstract: Il corpo di Asa Johnson è nascosto tra i cespugli di un giardino pubblico. Già a un primo sguardo la causa della morte risulta essere un unico colpo di pistola alla testa, per il resto il suo corpo sembra non aver subito violenza. Questo è il macabro spettacolo che Dan Holiday, ex agente della polizia di Washington, si trova di fronte durante una passeggiata nel cuore della notte, fatta solo per schiarirsi le idee. Non può che essere una nuova vittima dell'assassino che vent'anni prima chiamavano "il giardiniere notturno". Il suo modo di procedere era lo stesso: vittima minorenne, di colore, che veniva sodomizzata, freddata con un colpo di pistola e poi completamente ripulita, come per purificarla dalla violenza subita. C'era anche quel particolare inconfondibile: i ragazzi avevano tutti nomi palindromi. Holiday aveva lavorato al caso con T.C. Cook, la leggenda del dipartimento. Ora le loro vite sono completamente diverse. Dan ha lasciato la polizia e fa l'autista per ricchi uomini d'affari. Cook è in pensione da qualche anno, ma il fatto di non essere riuscito a mettere le mani su quello spietato serial killer ancora lo tortura. Dopo il ritrovamento del ragazzo i due si rimettono in contatto con Gus Ramone, il terzo uomo che si era occupato dell'indagine, che è ancora in polizia, e ricominciano da dove avevano lasciato. La loro è una corsa contro il tempo...

Mallory non sapeva piangere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

O'Connell, Carol <1947->

Mallory non sapeva piangere / Carol O'Connell

Casale Monferrato : Piemme, 2007

Abstract: I due corpi sono accasciati a terra, scomposti, innaturalmente caldi a causa dell'afa dell'estate newyorkese. La gola della donna è stata incisa in profondità con un taglio che arriva fino all'addome. L'uomo invece ha un'unica ferita mortale e qualche graffio sulle braccia, inferto probabilmente mentre tentava di difendersi. Per la polizia non può che essere opera del serial-killer di Gramercy Park, le cui vittime sono sempre donne anziane, sole e soprattutto molto ricche. Ma questa volta qualcosa deve essere andato storto e ci ha rimesso la vita anche Louis Markowitz, il capo della Sezione Crimini Speciali della Polizia di Manhattan. Quando Kathy Mallory arriva sulla scena del delitto il suo sguardo si ferma sugli occhi vuoti del tenente, suo padre, l'uomo che quando lei aveva solo dieci anni l'aveva accolta in casa come una figlia, anche se era una ladra e viveva per la strada. Ma ora Kathy non è più una bambina, è un'agente di polizia e di fronte a quegli occhi giura che non permetterà che l'assassino resti impunito. Così, a dispetto dei suoi superiori che la vorrebbero lontana da un caso in cui è troppo coinvolta, si mette sulle tracce del killer.

La bambina di casa Winter
0 0 0
Materiale linguistico moderno

O'Connell, Carol <1947->

La bambina di casa Winter / Carol O'Connell ; traduzione di Maria Clara Pasetti

Casale Monferrato : Piemme, c2006

Abstract: Quando un serial killer viene trovato morto in una ricca dimora di New York, con un paio di forbici piantate nel petto e un punteruolo da ghiaccio in mano, Kathy Mallory è chiamata a investigare. Apparentemente si tratta di legittima difesa. L'uomo si era intrufolato di notte nella grande casa sul Central Park, forse per rubare, suscitando la reazione di Nedda Winter, un'anziana signora che non ha alcun problema a confessare il suo omicidio. Il caso sembra chiuso. Se non fosse che la vittima è un serial killer arrestato da Mallory e libero su cauzione, e Nedda Winter è l'unica sopravvissuta a una strage compiuta a Winter House sessant'anni prima, in cui erano stati uccisi tutti gli abitanti della casa con un punteruolo da ghiaccio...