Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Omicidi seriali
× Soggetto Milano
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Soggetto Boxer, Lindsay <personaggio di James Patterson e Maxine Paetro>
× Nomi Guani, Valentina <traduttrice>
× Soggetto Scomparsa
× Data 2011

Trovati 6 documenti.

Mostra parametri
Omicidi in pausa pranzo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Veloce, Viola

Omicidi in pausa pranzo : romanzo / Viola Veloce

Milano : Mondadori, 2014

Abstract: Francesca Zanardelli sta per affrontare il solito pomeriggio in ufficio. È davanti allo specchio del bagno, con in mano lo spazzolino da denti, quando intravede due piedi sbucare da sotto la porta del w.c. Per terra c'è il cadavere di Marinella Sereni, la sua insopportabile compagna di scrivania! Qualcuno l'ha strozzata con una corda bianca, rimasta ancora intorno al collo. E lo strano delitto è avvenuto... mentre tutti erano in pausa pranzo. Francesca diventa così la principale testimone nelle indagini sulla morte della collega, affidate alla procura di Milano. Ma il killer è stato bravissimo a non lasciare tracce. Il caso suscita un incredibile clamore mediático e la paura diventa una compagna di vita dei trecento dipendenti dell'Azienda Omicidi, come la chiamano i giornalisti. I colleghi cominciano addirittura a sospettarsi tra loro, mentre la vita privata di Francesca va a rotoli. Ma Francesca non vuole perdere il lavoro: sa che il posto fisso è un privilegio da non abbandonare. Preferisce rischiare la pelle pur di continuare a portare a casa lo stipendio e non finire in un'agenzia interinale per precari, come capita alla generazione di trentacinquenni alla quale appartiene. E mentre le cotolette di plastica in pausa pranzo si susseguono identiche ogni giorno, la procura di Milano non riesce a scoprire chi sia l'assassino, nel frattempo divenuto un vero serial killer...

Psycho killer
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Guaitamacchi, Ezio <1957-> - Guaitamacchi, Ezio <1957->

Psycho killer : omicidi in Fa minore / Ezio Guaitamacchi

Roma : Ultra, 2013

Abstract: Estate del 2011.Nel giorno in cui a Londra muore Amy Wine-house, a Milano la polizia trova il corpo senza vita del più noto e potente ufficio stampa dello show business: si è impiccato nella cucina di casa mentre dal suo stereo uscivano le note di un brano di Iggy Pop. Dopo di lui, muoiono in circostanze misteriose altri personaggi importanti del mondo della musica: le loro fini - si capisce presto - ricordano quelle di leggendarie rockstar del passato. Dopo ogni omicidio, qualcuno manda a Radio Popolare un file mp3 con una cover di Bob Dylan che, secondo la mente contorta di chi lo spedisce, indica una traccia.L’ispettore Marco Molteni, romano trasferito da pochi giorni a Milano, è a capo delle indagini. Tifosissimo del Milan, vero o presunto tombeur de femmes, Molteni odia il rock e i suoi protagonisti. Ma, coadiuvato dal fido assistente Cariucci, dal medico legale dottor D’Errico, dal musicista di strada Sunflower e da altri esperti musicofili, prova a dare un senso all'intricato puzzle. Intanto però la striscia di sangue si allunga, e Molteni, oltre al misterioso assassino, si troverà suo malgrado a mettere in discussione anche se stesso e le proprie convinzioni più profonde.In Psycho Killer Ezio Guaitamacchi, una delle firme più note del nostro giornalismo musicale, mette in scena un ingegnoso rock thriller, ricco di aneddoti musicali e inquietanti tracce nascoste, che appassiona e diverte.

L'estro del male
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Paleari, Alberto <1975->

L'estro del male / Alberto Paleari

Roma : Edizioni e/o, 2013

Abstract: L'estro del male è un romanzo che, a partire da una storia vera, racconta la caduta nelle perversioni del primo serial killer italiano, uno degli ultimi impiccati sulla pubblica piazza del Regno d'Italia. Antonio Boggia visse nella Milano della prima metà dell'Ottocento. Fu un lavoratore rispettato da tutti. Un parrocchiano fervente, con moglie e figli. Un serial killer. Il mostro della stretta Bagnerà, uno dei primi assassini seriali scientificamente documentati in Italia. Tra il 1849 e il 1859 uccise con una scure tre uomini e una donna, li squartò, li seppellì e si impossessò dei loro patrimoni. Una volta scoperto venne processato e impiccato sulla pubblica piazza. L'estro del male è il romanzo della sua vita e dei suoi crimini. Un thriller che scandaglia la zona d'ombra di una mente criminale enigmatica e che, attraverso il coro dei personaggi di secondo piano, restituisce l'affresco di un'intera epoca. Una storia di ambizione e morte, denaro e sangue, che presenta sorprendenti e inquietanti collegamenti con le vicende di cronaca nera contemporanea. Il racconto di un caso giudiziario reale, ricostruito attraverso atti ufficiali di fine Ottocento.

L'indifferenza dell'assassino
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cucchi, Maurizio <1946->

L'indifferenza dell'assassino / Maurizio Cucchi

Parma : Guanda, 2012

Abstract: Maurizio Cucchi si imbatte nel protagonista di questo libro mentre un giorno passeggia in via Nerino, nel cuore antico di Milano. Davanti alle sue scarpe vede una specie di sbocco: un budello talmente angusto da essere chiamato, in altri tempi, Stretta. Incuriosito dalla bellezza sinistra del vicolo, viene a sapere che lì aveva il suo laboratorio - uno stanzino da fiaba dell'orrore il famigerato Antonio Boggia, molto noto nell'Italia appena unita per i suoi efferati delitti. Uno strano destino, a cui inizialmente l'autore cerca di sfuggire, lo spinge sulle tracce dello scellerato: un serial killer, il primo della storia italiana, che otteneva la fiducia delle sue vittime e poi le uccideva per incamerare i loro beni. Ma quel destino, man mano ci si addentra nelle pagine del romanzo, appare tutt'altro che strano. Ridando vita alla vicenda del Boggia, Maurizio Cucchi compie una nuova traversata dentro una mente criminale, oltre che nella Milano tante volte descritta nei suoi versi e nelle sue prose. E il suo viaggio narrativo diventa l'occasione per riflettere sulla disumanità dell'umano e insieme su un secolo, l'Ottocento, che del nostro mondo è il confine e l'origine.

Stem Cell
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gaetani, Paolo

Stem Cell / Paolo Gaetani

Milano : Sperling & Kupfer, [2009]

Abstract: Lo scenario è quello di un ospedale milanese all'avanguardia dove, all'alba di un freddo mattino invernale, un brillante neurochirurgo viene trovato assassinato nella sua sala operatoria. Il quadro è raccapricciante, perché chi lo ha ucciso ha usato gli stessi strumenti della sua specialità. Un macabro rituale che colpisce il responsabile delle indagini, il commissario Aliprandi, piedipiatti di buone letture e dottore mancato. Chi è l'assassino? Uno psicopatico? Qualcuno interno all'Istituto? Oppure il movente si cela nelle pionieristiche ricerche sulle cellule staminali, intraprese dalla vittima e forse malviste da certi baroni? Aliprandi non trascura nessuna pista, ma il nemico che ha di fronte torna presto a colpire, ancora e ancora, sempre accanendosi su camici eccellenti, sempre con la medesima, efferata modalità. In una convulsa lotta contro il tempo per fermare il killer, Aliprandi trova alcune risposte grazie alla vecchia passione per la tossicologia forense, ma soprattutto grazie al valido aiuto di un giovane e generoso chirurgo, di una coraggiosa infermiera e di una collega, l'affascinante medico legale Grazia Castelli, capace di coinvolgerlo e stupirlo non solo sul piano professionale. Tra velate minacce, trappole e indizi contraddittori, l'inchiesta si inoltra nel torbido mondo degli interessi ospedalieri, dove la ricerca scientifica e la salute dei pazienti passano spesso in secondo piano di fronte alle lusinghe del potere e del denaro.

La quinta vittima
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Invernici, Antonio <1965->

La quinta vittima / Antonio Invernici

Milano : Baldini Castoldi Dalai, 2007

Abstract: È Milano, ma potrebbe essere una qualsiasi altra città sono Simona, Giovanna, Marzia e Valeria, ma avrebbero potuto essere altre quattro donne. Niente le accomuna - non l'estrazione sociale, non l'età, né lo stile di vita - a parte la solitudine in cui ciascuna si sente sprofondare e il feroce destino che le rende vittime in pochi giorni dello stesso carnefice: un seduttore per corrispondenza che, offrendo loro uno spiraglio di luce, le attrae a sé per lasciarle, una dopo l'altra, esanimi sul luogo del primo incontro. Anche il serial killer sembra sfuggire a qualsiasi tentativo di classificazione, sia nel modus operandi, sia nella logica della sua follia. È a partire da questi labili indizi che Anna Gilardi, il sostituto procuratore, insieme a un nutrito pool formato da poliziotti, carabinieri e due agenti dell'Fbi, è chiamato a condurre le indagini sul caso. Tuttavia saranno i suoi problemi personali (il rapporto conflittuale con una figlia adolescente, una gran sete di vita accompagnata da una altrettanto forte passione per la cocaina) a metterla sulle tracce dell'assassino. Gli arriverà tanto vicino da guardargli nell'anima, da smascherarlo platealmente, senza riuscire, però, a impedirgli di fare la sua quinta vittima. Una storia spiazzante, giocata su continui cambi di prospettiva che rendono l'identificazione emotiva quasi un gioco di specchi, confondono i giudizi, fino a sfociare in un finale tanto violento quanto inaspettato e liberatorio.