Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Omicidi seriali
× Soggetto Sec. XIX
× Soggetto Ottocento

Trovati 7 documenti.

Mostra parametri
Nell'ombra e nella luce
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Cataldo, Giancarlo <1956->

Nell'ombra e nella luce / Giancarlo De Cataldo

Torino : Einaudi, 2015

Abstract: Con il maldestro, coraggioso, contraddittorio Emiliano di Saint-Just, chiamato a investigare su efferate uccisioni, opera di uno sfuggente criminale che somiglia a un diavolo, Giancarlo De Cataldo ci trasporta in una Torino divisa tra slancio progressista e reazione, nuove tecnologie e vecchi pregiudizi, inconsueta per l'occhio di oggi, ma nella quale è facile ambientarsi per la naturalezza e la precisione dei dettagli: da una nuova grande piazza appena costruita alla mefitica paludosa Vanchiglia, a un gran ballo a Palazzo Carignano, a un dinamicissimo Ghetto dove gli ebrei combattono per non diventare il capro espiatorio della rabbia e della paura di tutti. E sotto i nostri occhi, mentre un Cavour infuriato rischia di esser preso a bastonate dal reazionario duca di Pasquier, e le alte sfere consigliano al giovane carabiniere di cercare il colpevole preferibilmente negli strati più bassi e infami della città, impartendogli una lezione di modernissimo controllo sociale, si svolge una vorticosa, molto attuale commedia umana. Le opposizioni private e pubbliche di gelosia e amore, obbedienza e libertà, viltà e coraggio, politica e crimine, tipiche del futuro carattere nazionale degli italiani, fanno qui le prove generali, come a teatro. E il Diaul, che sia un mostro malvagio, un assassino seriale o la pedina di un complotto politico, diventa la cifra, il luogo geometrico delle contraddizioni di tutti. Senza smettere di far paura, tutt'altro.

Nell'ombra e nella luce
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Cataldo, Giancarlo <1956->

Nell'ombra e nella luce / Giancarlo De Cataldo

Torino : Einaudi, 2014

Abstract: Con il maldestro, coraggioso, contraddittorio Emiliano di Saint-Just, chiamato a investigare su efferate uccisioni, opera di uno sfuggente criminale che somiglia a un diavolo, Giancarlo De Cataldo ci trasporta in una Torino divisa tra slancio progressista e reazione, nuove tecnologie e vecchi pregiudizi, inconsueta per l'occhio di oggi, ma nella quale è facile ambientarsi per la naturalezza e la precisione dei dettagli: da una nuova grande piazza appena costruita alla mefitica paludosa Vanchiglia, a un gran ballo a Palazzo Carignano, a un dinamicissimo Ghetto dove gli ebrei combattono per non diventare il capro espiatorio della rabbia e della paura di tutti. E sotto i nostri occhi, mentre un Cavour infuriato rischia di esser preso a bastonate dal reazionario duca di Pasquier, e le alte sfere consigliano al giovane carabiniere di cercare il colpevole preferibilmente negli strati più bassi e infami della città, impartendogli una lezione di modernissimo controllo sociale, si svolge una vorticosa, molto attuale commedia umana. Le opposizioni private e pubbliche di gelosia e amore, obbedienza e libertà, viltà e coraggio, politica e crimine, tipiche del futuro carattere nazionale degli italiani, fanno qui le prove generali, come a teatro. E il Diaul, che sia un mostro malvagio, un assassino seriale o la pedina di un complotto politico, diventa la cifra, il luogo geometrico delle contraddizioni di tutti. Senza smettere di far paura, tutt'altro.

L'estro del male
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Paleari, Alberto <1975->

L'estro del male / Alberto Paleari

Roma : Edizioni e/o, 2013

Abstract: L'estro del male è un romanzo che, a partire da una storia vera, racconta la caduta nelle perversioni del primo serial killer italiano, uno degli ultimi impiccati sulla pubblica piazza del Regno d'Italia. Antonio Boggia visse nella Milano della prima metà dell'Ottocento. Fu un lavoratore rispettato da tutti. Un parrocchiano fervente, con moglie e figli. Un serial killer. Il mostro della stretta Bagnerà, uno dei primi assassini seriali scientificamente documentati in Italia. Tra il 1849 e il 1859 uccise con una scure tre uomini e una donna, li squartò, li seppellì e si impossessò dei loro patrimoni. Una volta scoperto venne processato e impiccato sulla pubblica piazza. L'estro del male è il romanzo della sua vita e dei suoi crimini. Un thriller che scandaglia la zona d'ombra di una mente criminale enigmatica e che, attraverso il coro dei personaggi di secondo piano, restituisce l'affresco di un'intera epoca. Una storia di ambizione e morte, denaro e sangue, che presenta sorprendenti e inquietanti collegamenti con le vicende di cronaca nera contemporanea. Il racconto di un caso giudiziario reale, ricostruito attraverso atti ufficiali di fine Ottocento.

Shades
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Johnson, Maureen <1973->

Shades : Jack lo squartatore e tornato / Maureen Johnson ; traduzione di Simona Brogli

Milano : Mondadori, 2012

Abstract: Quello in cui Rory Deveaux arriva a Londra dalla Louisiana è un giorno memorabile. Per Rory è l'inizio di una nuova vita in un collegio privato della capitale inglese. Ma molti se ne ricorderanno a causa di una serie di brutali omicidi avvenuti in tutta la città, assassinii raccapriccianti che riproducono gli efferati crìmini commessi da Jack lo Squartatore oltre un secolo prima, nell'autunno 1888. Basta poco perché la Squartatore-mania si diffonda, ma la polizia ha in mano solo pochi indizi e nessun testimone. Tranne uno. Rory ha intravisto sul luogo del delitto l'uomo che la polizia considera il principale sospettato. Ma è l'unica. Neppure la sua compagna di stanza, che era con lei in quel momento, ha notato l'uomo misterioso. Perché solo Rory può vederlo? E, questione assai più impellente, che cos'ha in mente di farle, costui?

L'indifferenza dell'assassino
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cucchi, Maurizio <1946->

L'indifferenza dell'assassino / Maurizio Cucchi

Parma : Guanda, 2012

Abstract: Maurizio Cucchi si imbatte nel protagonista di questo libro mentre un giorno passeggia in via Nerino, nel cuore antico di Milano. Davanti alle sue scarpe vede una specie di sbocco: un budello talmente angusto da essere chiamato, in altri tempi, Stretta. Incuriosito dalla bellezza sinistra del vicolo, viene a sapere che lì aveva il suo laboratorio - uno stanzino da fiaba dell'orrore il famigerato Antonio Boggia, molto noto nell'Italia appena unita per i suoi efferati delitti. Uno strano destino, a cui inizialmente l'autore cerca di sfuggire, lo spinge sulle tracce dello scellerato: un serial killer, il primo della storia italiana, che otteneva la fiducia delle sue vittime e poi le uccideva per incamerare i loro beni. Ma quel destino, man mano ci si addentra nelle pagine del romanzo, appare tutt'altro che strano. Ridando vita alla vicenda del Boggia, Maurizio Cucchi compie una nuova traversata dentro una mente criminale, oltre che nella Milano tante volte descritta nei suoi versi e nelle sue prose. E il suo viaggio narrativo diventa l'occasione per riflettere sulla disumanità dell'umano e insieme su un secolo, l'Ottocento, che del nostro mondo è il confine e l'origine.

Luminosa tenebra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gregorio, Michael

Luminosa tenebra / Michael Gregorio ; traduzione di Mario Marchetti

Torino : Einaudi, 2010

Abstract: Estate 1808. Nel caldo soffocante l'esercito napoleonico occupa la Prussia e tenta di mettere le mani sulla sua ricchezza più grande: l'ambra. Ma una maledizione sembra calare sulle raccoglitrici della preziosa resina, donne forti e splendide che cadono sotto i colpi di un assassino efferato e maniacale. Mentre i loro corpi, lasciati nudi e stranamente mutilati sulle spiagge del Baltico, sembrano comporre un oscuro disegno, spetta di nuovo a Stiffeniis, il detective allievo di Kant, affrontare l'ignoto, e un pericolo più vicino di quanto lui stesso possa immaginare... Michael Gregorio alias della coppia Michael Jacob e Daniela De Gregorio - torna con un nuovo caso per il procuratore Hanno Stiffeniis, che il lettore ha già incontrato in Critica della ragion criminale. Questa volta si mette, per conto della Grande Armée, sulle tracce di un killer ossessivo. Con la fredda ostilità tra prussiani e francesi che si fonde con i nuovi entusiasmi per la scienza e le più ancestrali paure pagane. Su tutto, onnipresente, l'ambra. Fonte di ricchezza e cupidigia, finestra su un passato lontano, speranza di rivalsa per il presente. Avrà bisogno di affinare ogni sua facoltà, Stiffeniis, per allontanare dalle sensuali ragazze dell'ambra la minaccia di una mente che sembra coniugare la luce della ragione con la più crudele e primordiale tenebra.

L'alchimia dell'omicidio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

MacCleary, Carol

L'alchimia dell'omicidio / Carol McCleary ; traduzione di Raffaella Vitangeli

[Varese] : Giano, 2009

Abstract: È il 1889 a Parigi, l'anno dell'Esposizione Universale in cui la Ville Lumière vorrebbe mostrarsi al mondo intero come la capitale vera del XIX secolo, la città del progresso e della modernità. Nellie Bly è una cronista, precisamente una giornalista del newyorchese World del signor Pulitzer. Una giornalista che è andata a caccia delle storie più stravaganti ed è al corrente di cose che inaridirebbero l'anima di chiunque. Ora Nellie, è a Montmartre snidare un'altra forza maligna che si aggira per le strade della collina famosa per i suoi artisti, i suoi poeti e le sue prostitute. Grazie a una serie di intuizioni, qualche informazione e anche una bella dose di imprudenza, ha seguito le imprese raccapriccianti di un killer da New York a Londra e ora a Parigi. Un mostro depravato assetato di sangue femminile, un alchimista dell'omicidio che, come un chimico medievale, ha una passione per il lato oscuro del sapere e colora la scienza di follia e crimine. Thriller che ci conduce al tempo di Jack lo Squartatore e della Febbre Nera, in compagnia di illustri personaggi, quali Oscar Wilde, Jules Verne e Louis Pasteur, L'alchimia dell'omicidio presenta una protagonista femminile indimenticabile (Thomas Fleming) ispirata al personaggio reale di Elizabeth Jane Cochran, la prima reporter investigativa americana che firmava i suoi articoli con lo pseudonimo di Nellie Bly.