Includi: tutti i seguenti filtri
× Nomi Pindarus

Trovati 10 documenti.

Mostra parametri
Le Olimpiche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus

Le Olimpiche / Pindaro ; introduzione, testo critico e traduzione di Bruno Gentili ; commento a cura di Carmine Catenacci, Pietro Giannini e Liana Lomiento

[Milano] : Fondazione Lorenzo Valla-A. Mondadori, 2013

Abstract: Ottima è l'acqua e l'oro come fuoco che avvampa rifulge nella notte più di ogni superba ricchezza. È l'apertura dell'Olimpica I il più bello fra tutti i canti, come di essa scriveva Luciano sei secoli dopo la sua composizione. Un inizio solenne, nel quale regnano la trasparenza e il bagliore: quelli che più tardi si sarebbero riassunti nella parola claritas. E che subito riverberano nei versi successivi, nei quali splende l'astro fulgido del sole che arde nell'etere deserto. A voler cantare gli agoni, sostiene Pindaro, si deve per forza scegliere i migliori, le Olimpiadi: che sono come l'acqua, l'oro, il fuoco, il sole, e che ebbero luogo in Grecia per oltre mille anni, dal 776 a.C. a quel 393 d.C. nel quale l'imperatore Teodosio e il vescovo Ambrogio li proibirono. Pindaro, oltreché delle Pitiche, delle Istmiche e delle Nemee, è anche - nell'immaginazione dei lettori e dei poeti dei due millenni e mezzo che da lui ci separano - il grande poeta, il poeta per eccellenza, delle Olimpiche. Con esse, celebra di volta in volta la vittoria degli atleti nelle gare di Olimpia. Ma i suoi epinici sono famosi per la luce che li pervade, la velocità fulminea dei passaggi tematici (i celebri voli pindarici) intercalati a brevi sentenze di saggezza, l'esaltazione degli ideali di eroismo e gloria, la descrizione incisiva dei fenomeni naturali. Commento a cura di Carmine Catenacci, Pietro Giannini e Liana Lomiento.

Pitiche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus - Pindarus

Pitiche / Pindaro ; introduzione, traduzione e note di Franco Ferrari

Milano : Biblioteca universale Rizzoli, 2008

Abstract: Non si può non riconoscere a Pindaro il merito di una poesia capace di dispensare gloria immortale a chi si rende protagonista di imprese epiche. Celebrando le competizioni agonistiche del suo tempo, Pindaro dava conto di uno dei principali canoni dell'etica greca, quello che coniugava armonia estetica e dirittura morale, forza fisica e cultura: i valori di quell'educazione aristocratica alla quale egli stesso era stato formato. Nelle Pitiche, i versi che celebrano i vincitori dei grandi giochi panellenici di Pito (Deli), che si svolgevano ogni quattro anni in onore di Apollo, Pindaro raggiunge davvero vette ineguagliabili. Se è inevitabile constatare la fragilità umana, ugualmente tutto ciò che è umano viene assunto nel mito e perde la sua limitatezza. A cura di Franco Ferrari l'opera dell'autore classico considerato profeta di una concezione morale e religiosa della vita.

Canti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus - Pindarus

Canti : per i vincitori dei giochi olimpici, pitici, nemei, istmici / Pindaro ; a cura di Guido Bonelli ; presentazione di Francesco Maspero

[Milano] : Fabbri, 2000

Abstract: Non si può non riconoscere a Pindaro il merito di una poesia capace di dispensare gloria immortale a chi si rende protagonista di imprese epiche. Celebrando le competizioni agonistiche del suo tempo, Pindaro dava conto di uno dei principali canoni dell'etica greca, quello che coniugava armonia estetica e dirittura morale, forza fisica e cultura: i valori di quell'educazione aristocratica alla quale egli stesso era stato formato. Nelle Pitiche, i versi che celebrano i vincitori dei grandi giochi panellenici di Pito (Deli), che si svolgevano ogni quattro anni in onore di Apollo, Pindaro raggiunge davvero vette ineguagliabili. Se è inevitabile constatare la fragilità umana, ugualmente tutto ciò che è umano viene assunto nel mito e perde la sua limitatezza. A cura di Franco Ferrari l'opera dell'autore classico considerato profeta di una concezione morale e religiosa della vita.

Olimpiche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus - Pindarus

Olimpiche / Pindaro ; introduzione traduzione e note di Franco Ferrari

2. ed

Milano : Biblioteca Universale Rizzoli, 1999

Abstract: Gesta di dei e di atleti vittoriosi nella lirica di un grandissimo poeta della Grecia arcaica.

Vol. 2: Le Pitiche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus - Pindarus

Vol. 2: Le Pitiche / Pindaro ; introduzione, testo critico e traduzione di Bruno Gentili ; commento a cura di Paola Angeli Bernardini, Ettore Cingano, Bruno Gentili e Pietro Giannini

Abstract: Non si può non riconoscere a Pindaro il merito di una poesia capace di dispensare gloria immortale a chi si rende protagonista di imprese epiche. Celebrando le competizioni agonistiche del suo tempo, Pindaro dava conto di uno dei principali canoni dell'etica greca, quello che coniugava armonia estetica e dirittura morale, forza fisica e cultura: i valori di quell'educazione aristocratica alla quale egli stesso era stato formato. Nelle Pitiche, i versi che celebrano i vincitori dei grandi giochi panellenici di Pito (Deli), che si svolgevano ogni quattro anni in onore di Apollo, Pindaro raggiunge davvero vette ineguagliabili. Se è inevitabile constatare la fragilità umana, ugualmente tutto ciò che è umano viene assunto nel mito e perde la sua limitatezza. A cura di Franco Ferrari l'opera dell'autore classico considerato profeta di una concezione morale e religiosa della vita.

Le Istmiche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus - Pindarus

Le Istmiche / Pindaro ; a cura di G. Aurelio Privitera

Milano : A. Mondadori, 1992

Vol. 4: Le istmiche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus - Pindarus

Vol. 4: Le istmiche / Pindaro ; a cura di G. Aurelio Privitera

2. ed

1992

Fa parte di: Pindarus. Le odi / Pindaro

Canti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus - Pindarus

Canti : per i vincitori dei giochi olimpici, pitici, nemei, istmici / Pindaro ; a cura di Guido Bonelli ; presentazione di Francesco Maspero

Milano : Bompiani, 1991

Abstract: Non si può non riconoscere a Pindaro il merito di una poesia capace di dispensare gloria immortale a chi si rende protagonista di imprese epiche. Celebrando le competizioni agonistiche del suo tempo, Pindaro dava conto di uno dei principali canoni dell'etica greca, quello che coniugava armonia estetica e dirittura morale, forza fisica e cultura: i valori di quell'educazione aristocratica alla quale egli stesso era stato formato. Nelle Pitiche, i versi che celebrano i vincitori dei grandi giochi panellenici di Pito (Deli), che si svolgevano ogni quattro anni in onore di Apollo, Pindaro raggiunge davvero vette ineguagliabili. Se è inevitabile constatare la fragilità umana, ugualmente tutto ciò che è umano viene assunto nel mito e perde la sua limitatezza. A cura di Franco Ferrari l'opera dell'autore classico considerato profeta di una concezione morale e religiosa della vita.

Olimpiche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus

Olimpiche / Pindaro ; introduzione di Umberto Albini ; traduzione, commento, note e lettura critica di Luigi Lehnus

2. ed

Milano : Garzanti, 1989

Olimpiche
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pindarus - Pindarus

Olimpiche / Pindaro ; traduzione, commento, note e lettura critica di Luigi Lehnus ; introduzione di Umberto Albini

Milano : Garzanti, 1981