Parte il progetto "BiblioZone: spazio alle idee", finanziato dal "Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale della Presidenza del Consiglio dei Ministri" sul bando "Giovani in Biblioteca" attraverso una co-progettazione che ha coinvolto AZIENDA SERVIZI ALLA PERSONA-SOCIALIS, Gruppo SAN BENEDETTO PO 1, Parrocchia di SAN BENEDETTO ABATE e per il quale il Comune di San Benedetto Po ha ottenuto un finanziamento di euro 118.000.

 

Il progetto si rivolge in particolare alla fascia d'età 14-24 anni ed è volto a favorire l’aggregazione e la partecipazione giovanile all’interno della biblioteca che, attraverso un restyling degli spazi, acquisto di nuove attrezzature informatiche e l'organizzazione di laboratori ed eventi, amplia l'orario di apertura e il suo ventaglio di servizi.

 

Progetto che individua la Sala delle colonne, collocata all'interno del Chiostro di San Simeone e comunicante con la biblioteca, come il nuovo spazio di aggregazione per i giovani. La sala sarà opportunamente riallestita con nuovi arredi, dotata di attrezzature informatiche e connessione wifi a disposizione dell'utenza.

 

L'altra ambiziosa fetta di progetto consiste nella creazione di una Rete (Vedogiovane) di tutti i soggetti sostenitori e nel coinvolgimento attivo dei diretti destinatari attraverso l'individuazione di specifiche figure professionali da affiancare al personale bibliotecario che favoriscano l'inclusione e il supporto a tutti, in tutte le fasi di realizzazione.

 

In sintesi BiblioZone è un progetto volto alla "costruzione partecipata" di uno spazio polifunzionale dinamico, un luogo di promozione dell'agio giovanile e di supporto all'arricchimento educativo, aperto a tutti, per favorire l'incontro e lo scambio, all'interno di un servizio già strutturato e neutro, come la biblioteca, in un contesto di coprogettazione e condivisione.

 

Prima importantissima fase del progetto è la CALL: ovvero il coinvolgimento diretto di tutti i ragazzi residenti nel comune nella fascia d'età 14-24 anni, mediante l'intervento delle associazioni giovanili presenti sul territorio, e la costituzione di un tavolo di lavoro per raccogliere le loro idee e necessità.

 

Sulla base delle proposte e considerazioni raccolte nelle fasi preliminari di condivisione si procederà al restyling della Sala delle Colonne che diventerà la nuova BibioZone: uno spazio ibrido e polivalente, dotato di nuovi arredi moderni e accoglienti, oscurabile in caso di necessità, arricchito di attrezzature informatiche e dotato di connessione in fibra ottica sia all'interno che all'esterno.

 

All'interno della BiblioZone, che ospiterà il patrimonio della biblioteca rivolto a ragazze e ragazzi saranno istallate pareti multifunzionali per consentire lo svolgimento di tutte le attività che saranno organizzate all'interno del progetto.

 

Alcune idee da proporre e che i ragazzi potranno valutare sono:

 

- il potenziamento dei gruppi di lettura giovanili come occasione di incontro e di arricchimento;

 

- organizzazione di notti bianche, con musica e spettacoli, nella cornice suggestiva del chiostro di San Simeone;

 

- ciclo di incontri con l'autore dedicati principalmente ai ragazzi dei gruppi di lettura;

 

- calendario di corsi di formazione e laboratori dedicati a giovani 14-24 anni come occasione di arricchimento e acquisizione di competenze;

 

- ciclo di incontri di gioco di ruolo, di giochi in scatola.

 

 

 

Le ragazze e i ragazzi interessati a partecipare attivamente alla costruzione del nuovo Spazio dedicato ai Giovani sono invitati:

GIOVEDì 28 MARZO ORE 17:30 presso la Sala Giunta del Comune di San Benedetto Po


Trovati 3712 documenti.

Berlinguer deve morire. Il piano dei servizi segreti dell'Est per uccidere il leader del PCI
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Fasanella, Giovanni - Incerti, Corrado - Veltroni, Walter - Vacca, Giuseppe

Berlinguer deve morire. Il piano dei servizi segreti dell'Est per uccidere il leader del PCI

Fuoriscena, 14/05/2024

Abstract: Il 3 ottobre 1973, mentre è diretto all'aeroporto di Sofia, al termine di una difficile visita ufficiale in Bulgaria, Enrico Berlinguer è vittima di un incidente stradale. Il suo interprete muore e due dirigenti del Partito comunista bulgaro rimangono gravemente feriti. Il segretario del Pci si salva per miracolo. Per anni, sulla notizia cala il silenzio. Fino a quando il senatore dell'allora Pds Emanuele Macaluso svela un retroscena clamoroso: sulla strada verso l'aeroporto, Berlinguer doveva morire. L'ipotesi di un complotto ordito dai governi "amici" dell'Est viene smentita dai dirigenti del vecchio Pci, ma incoraggiata dalle confidenze della vedova Berlinguer, a cui il marito aveva manifestato da subito i suoi sospetti. La rivelazione di Macaluso è l'inizio del lavoro investigativo contenuto in questo libro, che passa da Sofia agli archivi dell'Istituto Gramsci, fino alle carte del dossier Mitrokhin. "Berlinguer deve morire" è un'inchiesta giornalistica estremamente precisa e documentata, che si legge come un thriller politico. Arricchita da una premessa di Walter Veltroni, da un ampio saggio introduttivo di Giuseppe Vacca e da nuovi importanti documenti e testimonianze in Appendice. Un lavoro imprescindibile, qui riproposto in una nuova edizione aggiornata, che restituisce all'uomo politico Enrico Berlinguer tutto lo spessore, la forza e la centralità che ha avuto nella storia della Prima repubblica.

L'irregolare. Una vita di Gianni De Michelis
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Franchi, Paolo

L'irregolare. Una vita di Gianni De Michelis

Marsilio, 14/05/2024

Abstract: È poco più che un bambino Gianni De Michelis quando resta folgorato dalla politica, una "malattia– scrive Paolo Franchi, giornalista di lungo corso –che non contempla guarigioni, specie per chi l'ha fatta fin da ragazzo". Proprio dagli esordi sul palco di una manifestazione veneziana prende avvio il ritratto di un personaggio tra i più singolari dell'Italia repubblicana. Con stile brillante e ritmo serrato, Franchi orchestra sapientemente una sarabanda di ricordi, aneddoti e riflessioni che è allo stesso tempo un viaggio nel dietro le quinte della storia del Paese a cavallo tra due secoli. Influenzato dal clima di fervore intellettuale che respira in casa, De Michelis non si fa cogliere impreparato dall'epoca della grande trasformazione. Convinto che non si possa far politica senza conoscere come si produce e si distribuisce la ricchezza, affianca gli operai del Petrolchimico di Marghera, è alla testa di mille battaglie, riesce a farsi eleggere nella sua Venezia, prima di spiccare il volo al fianco di Bettino Craxi. Ministro delle Partecipazioni statali, del Lavoro e poi degli Esteri, interpreta ogni ruolo da refrattario agli schemi e innovatore dai mille volti che rivivono in questa cavalcata attraverso i decenni, dal Gianni "Bellachioma" descritto da Giampaolo Pansa al "più grande ministro degli Esteri italiano", come lo definì uno dei nostri più importanti diplomatici. Non saprà però avvedersi dei primi, sinistri scricchiolii di un sistema politico e istituzionale che verrà spazzato via da Tangentopoli. Conserverà fino alla fine, invece, una spiccata lungimiranza sui processi globali che lo porterà a prevedere, in tempi non sospetti, la necessità di una "governance multilaterale del mondo multipolare", intuendo il pericolo di un altro conflitto planetario: "un mondo così è troppo pesante anche per le spalle degli Stati Uniti; non può essere governato da un Paese solo".

Rien va
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Landolfi, Tommaso

Rien va

Adelphi, 14/05/2024

Abstract: Con "Rien va" Tommaso Landolfi, scrittore elusivo, mascherato, mistificatorio per eccellenza riguardo alla propria persona, ha scelto la via di un'ulteriore provocazione, rovesciando bruscamente i termini del gioco: pubblicato nel 1963, questo vero libro segreto – un diario del periodo '58-60 – si inoltra infatti nell'intimo e non cela paure e ossessioni, dal denaro al tappeto verde alla scrittura stessa. Al centro, una sorpresa che è anch'essa un brusco rovesciamento rispetto alla vita precedente di Landolfi: la nascita di una bambina, con lo stupore e l'euforia che l'accompagnano. Così questo zibaldone di pensieri, spesso taglienti e sconcertanti, si presenta come l'unico squarcio capricciosamente concesso dall'autore sulla propria esistenza più nascosta. "La letteratura non è vita" scrive Landolfi in "Rien va". Ma nulla più di un libro come questo vale a smentirlo.

Ombre
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Landolfi, Tommaso

Ombre

Adelphi, 14/05/2024

Abstract: Questo libro, pubblicato da Landolfi nel 1954, contiene alcuni fra i suoi più celebrati racconti fantastici, come "La moglie di Gogol'" o "Lettere dalla provincia". Ma, con somma sprezzatura, Landolfi ha mescolato queste formidabili, e insieme esilaranti e sinistre invenzioni narrative, a una serie di schizzi, per lo più riferiti alla sua giovinezza ipocondriaca e vissuta col diverso passo di una formidabile e straniante intelligenza. Chiude il libro la sezione intitolata "Commiato", una sequenza di miniature dove la prosa raggiunge d'improvviso un lucore madreperlaceo, mallarmeano ("Parole sorgevano, s'incarnavano e lentamente tramontavano, sull'equoreo orizzonte, contro il cielo perso"). Una forma così sconcertante può essere ricondotta, come indicò Calvino, al gesto di chi "sperpera le sue puntate d'un colpo o le ritira bruscamente dal tavolo col gesto allucinato del giocatore". Al tempo stesso, al lettore di oggi potrà presentarsi il legittimo sospetto che sia proprio tale composizione frastagliata e caparbiamente sconnessa a far sì che risalti sempre sulla pagina, con inquietante nettezza, il timbro inconfondibile di Landolfi, la sua superba malinconia, la vocazione a corteggiare, sotto ogni aspetto, "la fumosa stella del naufragio".

Praga, poesia che scompare
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Kundera, Milan

Praga, poesia che scompare

Adelphi, 14/05/2024

Abstract: L'invasione russa della Cecoslovacchia nel 1968 non ha solo conculcato i diritti umani, la democrazia, la giustizia: ha ridotto a "un foglio di carta in fiamme / dove scompare la poesia" – scriveva Kundera nel 1980 citando l'amato Nezval – una "grande cultura". Una cultura unica, che la "capitale magica d'Europa" ha forgiato lungo i secoli, e che ha conosciuto l'apogeo con Kafka, Hašek e Janaček, artefici dei "tre pannelli del quadro dell'inferno futuro": "labirinto burocratico", "idiozia militare", "disperazione concentrazionaria". Tracciare il ritratto di Praga significava allora, per Kundera, riportare alla luce un'Atlantide inabissata, salvare una visione del mondo renitente a "identificarsi con la Storia" e a "cogliere nei suoi spettacoli serietà e senso". Ma noi lettori non potremo fare a meno, oggi, di riconoscere in quel ritratto, attraversato da un fremito di commossa nostalgia, un autoritratto, che rivela, meglio di qualunque saggio critico, la "genealogia segreta" da cui scaturisce l'opera di Kundera. Dentro al suo laboratorio ci conduce anche "Ottantanove parole", un dizionario personale nato nel 1985 dall'esigenza, per lui che ancora scriveva in ceco ma pensava ormai a come ogni frase sarebbe suonata in francese, di chiarire al nuovo pubblico le "parole chiave", le "parole trabocchetto", le "parole d'amore" attorno alle quali erano costruiti i suoi romanzi – e tuttora essenziale per chi li ami e voglia conoscerli meglio.

La promessa. Colosseum
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Marcialis, Mauro - Manfredi, Valerio Massimo

La promessa. Colosseum

Solferino, 14/05/2024

Abstract: Roma, 61 d.C. Il prefetto di Roma viene ucciso nel suo letto. Secondo il diritto romano, tutti i quattrocento schiavi di sua proprietà devono essere messi a morte. Ma tre sono solo bambini, e Livio, un semplice legionario, non se la sente: a costo della vita, li mette in salvo presso tre diverse famiglie, con la promessa di fare in modo che si ritrovino in futuro. Poi, però, Livio parte per una lunga guerra. E per molti anni i tre crescono separati, ciascuno senza sapere se gli altri sono vivi o no. Arild è affidato a un lanista e coltiva il sogno di prestare giuramento come gladiatore; Derek è sta-to destinato a un commerciante di animali e si distingue per il suo talento nelle arti e per le sue abilità come addestratore dei famelici cani pugnax; Brynja è stata accolta nella domus di un senatore così influente che sta progettando per l'imperatore nientemeno che la costruzione dell'anfiteatro più grande del mondo. I tre sono ormai adolescenti quando Gerusalemme cade e il generale Tito, figlio dell'imperatore Vespasiano, torna a Roma con le sue legioni e il bottino necessario proprio per la realizzazione di quell'immenso edificio. E tra i soldati vittoriosi c'è anche Livio, che non ha dimenticato la sua promessa.Tra soprusi e congiure di potere, tentativi di fuga e di suicidio, amori impossibili e desideri infranti, riti di magia nera e vane preghiere agli dèi, l'epopea dei tre giovani schiavi decisi a sopravvivere e a tornare insieme si intreccia a quella della costruzione del monumento simbolo di Roma. Forse proprio in quell'arena si deciderà il loro destino?

Il vaso di Pandoro. Ascesa e caduta dei Ferragnez
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Lucarelli, Selvaggia

Il vaso di Pandoro. Ascesa e caduta dei Ferragnez

PaperFIRST, 14/05/2024

Abstract: Il 15 dicembre del 2023 Chiara Ferragni, fashion blogger e imprenditrice digitale di fama internazionale all'apice del suo successo, viene multata dall'Antitrust per pratica commerciale scorretta. L'accusa è quella di aver spacciato un'operazione commerciale per un'iniziativa benefica destinata alle cure di bambini malati di tumore. La caduta dalla vetta è disastrosa e provoca la crisi di un impero che pareva scintillante e solidissimo: quello dei Ferragnez. In un attimo, la coppia da 45 milioni di like idolatrata da stampa e follower, non esiste più. Eppure, i segnali di un'imminente caduta c'erano già. Dalla sovraesposizione dei minori alla compulsiva ostentazione del privilegio, dall'attivismo ruffiano alla beneficenza opaca, nel suo libro Selvaggia Lucarelli ripercorre all'indietro la storia recente del fenomeno mediatico più discusso del Paese. Il vaso di Pandoro è una nuova inchiesta e la storia dell'inchiesta che ha cambiato per sempre il mondo degli influencer, imponendo più di una riflessione su come sia pericoloso, oggi, maneggiare un successo così incorporeo da svanire in un click. Fino ad un'angosciante conclusione: quel vaso di Pandoro, che sia sigillato o rovinosamente aperto, riguarda tutti noi.

Il bombarolo. La strage dimenticata di via Fatebenefratelli
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Morando, Paolo - Pisa, Massimo

Il bombarolo. La strage dimenticata di via Fatebenefratelli

Feltrinelli Editore, 14/05/2024

Abstract: Milano, 17 maggio 1973, via Fatebenefratelli. In Questura si commemora il primo anniversario dell'uccisione del commissario Luigi Calabresi. Al termine della cerimonia, lo scoppio di una bomba a mano provoca quattro morti e cinquantadue feriti. L'attentatore, Gianfranco Bertoli, viene arrestato in flagranza e si dichiara anarchico. Ma è davvero così? Si scoprono presto i suoi legami con l'estrema destra eversiva veneta, la sua oscura permanenza in un kibbutz israeliano e il misterioso passaggio a Marsiglia prima di arrivare a Milano. Prima ancora, Bertoli era stato informatore del Sid, criminale comune e in contatto con anarchici veneziani e milanesi, che ne avevano favorito la latitanza.Qual era il fine dell'attentato? Punire il ministro dell'Interno Mariano Rumor per non aver proclamato lo stato d'emergenza atteso dai neofascisti dopo la strage di piazza Fontana? Rilanciare la pista anarchica con un attentato plateale contro la memoria di Calabresi e per vendicare l'onore di Giuseppe Pinelli? Furono Ordine Nuovo e la Rosa dei Venti ad armare il colpevole affinché spianasse la strada a un colpo di Stato? Oppure la soluzione del giallo era la più semplice, come rivendicato negli anni dal "bombarolo", che dal carcere continuò a produrre scritti libertari? Le ostinate indagini di un giudice, durate un quarto di secolo, e i processi celebrati dopo il 2000 hanno scritto una verità solo parziale.Paolo Morando e Massimo Pisa ricostruiscono i fatti e i profili dei personaggi coinvolti, esaltando i chiaroscuri di una vicenda che è la sintesi perfetta della stagione della "strategia della tensione". Con tutte le ambiguità degli apparati dello Stato.La ricostruzione più completa e documentata della figura di Gianfranco Bertoli, il "sedicente anarchico" autore della strage del 17 maggio 1973 alla Questura di Milano.

Il tempo del corpo. Il sole, il sonno e il ritmo della vita
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Viola, Antonella

Il tempo del corpo. Il sole, il sonno e il ritmo della vita

Feltrinelli Editore, 14/05/2024

Abstract: Perché ci sentiamo sempre stanchi? Perché facciamo fatica ad addormentarci o ci svegliamo di continuo? Come possiamo aiutare il corpo a riposare?Antonella Viola ci introduce ai ritmi circadiani, ovvero le oscillazioni delle funzioni di tipo fisico e comportamentale che seguono il più antico e meraviglioso orologio del mondo: l'alternanza di luce e buio. Il sonno, la temperatura corporea, la fame, le difese immunitarie e persino il dolore sono tutti soggetti a questo ascendente. L'adattamento degli organismi all'ora del giorno, così come i loro cambiamenti ritmici, è stato documentato da molto tempo, ma solo recentemente la scienza ha iniziato a comprendere quanto i ritmi circadiani influiscano sul nostro benessere.Il sonno, così importante per la nostra salute, è regolato da un ritmo circadiano chiamato appunto ritmo sonno-veglia, strettamente legato all'alternanza di luce e buio. La sincronizzazione dei nostri orologi biologici è quindi necessaria per proteggere il sonno e tutte le attività ad esso legate, come il consolidamento della memoria, ossia quel processo che trasforma l'esperienza in ricordo. Ma non è solo la memoria del cervello a consolidarsi mentre dormiamo: anche la memoria immunologica, che ci permette di difenderci da virus e batteri, matura durante il riposo, e non a caso la perdita di sonno è associata a una maggiore suscettibilità alle infezioni.Il tempo del corpo ci svela la scienza dietro tutti questi meccanismi e Antonella Viola è la nostra guida d'eccezione che, con gli strumenti rigorosi, creativi e sorprendenti della ricerca scientifica, farà entrare nelle nostre vite il concetto di tempo biologico, aiutandoci a organizzare le giornate in modo da concedere al nostro corpo il tempo di cui ha felicemente bisogno.Il tempo narrato in questo libro è un tempo intimo, profondo, essenziale. Esistenziale.È il nostro tempo: il tempo del corpo che vibra in sintonia con il pianeta.È il tempo da proteggere per ritrovare l'equilibrio.

Node.js. Guida per creare API e applicazioni in JavaScript
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Miliucci, Alessandro

Node.js. Guida per creare API e applicazioni in JavaScript

Feltrinelli Editore, 13/05/2024

Abstract: Node.js è un framework open source basato sul motore JavaScript V8 di Chrome che permette di creare applicazioni veloci, compatte e affidabili.Questo manuale accompagna nell'apprendimento delle varie funzionalità. Si parte da un'introduzione a Node.js e alla sua storia, per poi passare all'installazione e configurazione del software. Si prosegue con la creazione e l'esecuzione della prima applicazione Node.js., l'analisi dei protocolli HTTP e TCP e la realizzazione di un server web, per passare poi alla gestione di concorrenza e parallelismo, moduli e dipendenze, e all'utilizzo di Express e Fastify per la creazione di applicazioni e di API.Il testo fa riferimento alla versione 20.x (LTS) che il lettore imparerà a utilizzare anche insieme alle nuove versioni che vengono rilasciate ogni sei mesi.Una guida pragmatica adatta sia a coloro che vogliono apprendere le basi dell'utilizzo di Node.js, sia a sviluppatori esperti che vogliono sfruttarne meglio le potenzialità.

Quando la luce si spegne. Leggende e creature dell'incubo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Puttolu, Andrea

Quando la luce si spegne. Leggende e creature dell'incubo

SPERLING & KUPFER, 14/05/2024

Abstract: Sin da bambino, Andrea si è sempre sentito diverso dai suoi coetanei, le sue passioni erano tutt'altro che comuni. Dall'horror al satanismo, si lasciava affascinare da qualsiasi racconto la cui comprensione andasse oltre i limiti della semplice razionalità. Sul web, oggi Andrea è Endriu Files, un content creator che racconta su un canale YouTube storie che sembrano travalicare i confini della comprensione umana. Ma sono proprio queste, le storie più spaventose, quelle che fanno accapponare la pelle, quelle che sembrano consumarsi quando nessuno guarda, ad avere il potere di farci sentire più umani. Leggende e fatti realmente accaduti, a loro modo unici e irripetibili. Dal fantasma di Aisha Kandisha alla storia dell'Ammuntadòre sardo, a cui piace fare visita alle sue vittime mentre sprofondano nel sonno. Dai luoghi infestati d'Italia, come il manicomio abbandonato di Ferrara e il monastero maledetto dei monaci del diavolo, alle incredibili storie del serial killer Cropsey o del cosiddetto Burning Man. Tutte legate dal filo conduttore di un racconto personale che è, prima di ogni altra cosa, un grande omaggio al mondo e alle mitologie dell'incubo.

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Calcaterra, Valentina

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Edizioni Centro Studi Erickson, 03/04/2024

Abstract: Incontrarsi, confrontarsi e sostenersi a vicenda sono esperienze spontanee dell'essere umano nei momenti di difficoltà. Quella di aiutarsi è quindi una competenza naturale, che va però ricordata e sollecitata. Come agevolare questo processo? Come renderlo ancora più efficace? Come integrarlo nella rete del welfare?Il testo, rivolto sia ai professionisti che ai volontari, presenta in maniera ragionata la realtà dei gruppi di auto/mutuo aiuto: si concentra sui passi imprescindibili da compiere per chiunque voglia attivare un gruppo e/o vi partecipi come facilitatore e fornisce indicazioni concrete per gestirlo e favorirne lo sviluppo.Incontrarsi, confrontarsi e sostenersi a vicenda sono esperienze spontanee dell'essere umano nei momenti di difficoltà. Quella di aiutarsi è quindi una competenza naturale, che va però ricordata e sollecitata. Come agevolare questo processo? Come renderlo ancora più efficace? Come integrarlo nella rete del welfare?Il testo, rivolto sia ai professionisti che ai volontari, presenta in maniera ragionata la realtà dei gruppi di auto/mutuo aiuto: si concentra sui passi imprescindibili da compiere per chiunque voglia attivare un gruppo e/o vi partecipi come facilitatore e fornisce indicazioni concrete per gestirlo e favorirne lo sviluppo.

I Am a Dream That Is Dreaming of Me
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Parodi, Filippo - Lynch, David

I Am a Dream That Is Dreaming of Me

Polimnia Digital Editions, 13/05/2024

Abstract: Encouraged by the testimonies of David Lynch – myth that overturned and revolutionised my adolescence and didn't cease accompanying me in the following ages – I started practicing Transcendental Meditation in October 2022. Just before beginning the training course, I remember I was excited, confident, but I really would have never expected that, from the very first days, my life would take new directions, that the path I had entered wouldn't have given me easy chances to come back to the previous routine. And, I must say, much to my relief. What you are about to read is therefore strongly imbued with the energy, but also with the doubts and the fears, of this fresh, still extraordinary experience which I like to define as "my promising second time" (moreover, being now 46 years old, I can assert that in every meaning!).

Lucerna
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Polutropon

Lucerna

Booksprint, 13/05/2024

Abstract: Consigliato ad un pubblico 16+"Lucerna" è una raccolta che raccoglie straordinari e struggenti componimenti poetici di cui non si può fare a meno di consigliare la lettura, indipendentemente dalla fascia di età e che, anzi, è ancor più consigliato alle giovani leve, troppo spesso annichilite ma, invero, alienate da "falsi miti...". Davvero commoventi le poesie "Quanno Bussa", "Ballare, Bere e Baciare"; a non volerne dimenticare altre quali "Dolore Maestro", "Il Primo Capodanno", "Il senso della vita". Infine, merita di essere citata la più significativa di tutte: "Vita è solo per un po', morte è per sempre", titolo oltremodo eloquente del modus vivendi dell'Autore. Perché non vi è chi non veda quel che è fin troppo evidente: "questa vita non ci appartiene...". Pertanto, il senso della vita consiste proprio nel non accanirsi a "dare senso a ciò che senso non ha...", come pure a voler attribuire valore a "false imitazioni...". Del resto, sarebbe sufficiente riflettere: "Vita è solo per un po'..."; mentre "la Morte è per sempre...". Dunque, solo dopo aver preso piena coscienza di questa verità o realtà inconfutabile, che dirsi di piangere per quel che è stato, al tempo stesso voglia altro non v'è da fare se non smettere rimpiangendo quel che avrebbe potuto essere. Perché, anche di fronte alla realtà più terrificante, ciò che resta da fare è "vivere di realtà, seppur imperfetta ma, in ogni caso, vera...". Di contro, non ha alcun senso vivere quando si "perde il senso della vita stessa...". Perché "sebbene il Dolore faccia male...", è pur vero che è - e continuerà a restare per sempre - un "Gran Maestro...". Proprio questo vuol dire vivere: superare le difficoltà anche le più insormontabili, evitando di rimanerne indelebilmente segnati e così limitandosi a sopravvivere. Solo così si potrà vivere, "senza rompe a chi ce 'sta vicino...". Una verità fin troppo semplice ma non per questo scontata ed ovvia. Perché, a ben riflettere, siamo "tutti ospiti...", senza sapere fino a quando.

Atzlan Ataltide
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Zelano, Luigi

Atzlan Ataltide

Booksprint, 13/05/2024

Abstract: Atlantide era una civiltà molto avanzata esistente sulla Terra e distrutta in un giorno ed una notte dal Diluvio Universale. Vi sono molte tracce, che vengono studiate ed interpretate dagli studiosi... L'Autore nel 1987, invitato da parenti, fece un viaggio in Canada, tra i parenti c'era Nigro Pasquale, che aveva dovuto interrompere gli studi in Medicina per partecipare alla Seconda guerra mondiale. Un giorno iniziò a parlare di ATLANTIDE in latino come riportato da Platone, principale fonte dell'argomento. Colpito dall'Argomento, l'Autore, appena rientrato in Italia, iniziò le relative ricerche e, dopo lunghi studi su testi antichi trovati nelle più importanti Biblioteche, testi moderni e lunghe riflessioni, ha interpretato i vari argomenti, oggetto di studio anche da parte di molti scienziati, come se fosse anche ispirato da Forze superiori, che lo aiutavano a trovare la soluzione dei vari argomenti oggetto di studio. Come diceva anche il compianto Siragusa, il nostro cervello è come una radio ricetrasmittente e, se ci predisponiamo all'ascolto ed alla meditazione, l'Universo ci viene incontro tramite la memoria del Cervello Akashico sopratutto se siamo puri di cuore. Sono interpretazioni personali, che vanno vagliate ed approfondite da parte di studiosi essendo materia che riguarda un'antica Civiltà perduta riportata in Egitto dai Faraoni per dare un impulso al ritorno alla grande Civiltà.

La cospirazione dei Cenci. Soprusi, violenze, intrighi e segreti
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Teodori, Simona

La cospirazione dei Cenci. Soprusi, violenze, intrighi e segreti

Newton Compton Editori, 14/05/2024

Abstract: Soprusi, violenze, intrighi e segretiRoma 1599. Beatrice Cenci è una giovane donna condannata a morte per aver ucciso suo padre, un uomo malvagio che la violentò più volte e che vessò in ogni modo lei e gli altri suoi fratelli. Ma chi è veramente, Beatrice?Una ragazza nata nobile, ma in una famiglia costantemente sull'orlo del baratro per via della condotta dissoluta del conte Francesco Cenci. Osteggiata dal genitore per il suo acume e la sua risolutezza, Beatrice è costretta a una vita d'inferno fatta di umiliazioni, culminate nella forzata clausura nella rocca di Petrella Salto, dove Francesco trasferisce la famiglia per sfuggire ai creditori e alla giustizia. Ed è proprio qui, in questo castello isolato, che Beatrice matura il suo proposito omicida.Dalla nascita ai primi anni vissuti in convento, dalle continue angherie paterne agli amori clandestini e all'incontro con Michelangelo Merisi detto Caravaggio, che fino alla fine ne perorerà la causa: in questo romanzo, Simona Teodori restituisce il ritratto struggente e umanissimo di una donna diventata eroina popolare.Coraggio, paura, amore e vendetta: l'emozionante e avvincente vita di una delle donne simbolo della storia italiana."La Storia a volte supera il racconto più drammatico. Simona Teodori ce lo ha dimostrato."Barbara FraleSimona TeodoriÈ nata a Roma nel 1975. Si è laureata in Giurisprudenza presso l'Università La Sapienza di Roma, specializzandosi in Storia del diritto italiano. Oltre alla professione forense, è anche organizzatrice del Neroma Noir Festival e si dedica da anni alla letteratura di genere, con una particolare predilezione per il thriller, il noir e il giallo. Dal 2018, si occupa anche di editing e ghostwriting. La cospirazione dei Cenci è il suo primo romanzo pubblicato con la Newton Compton.

Ti odio, ma ti amo di più
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Premoli, Anna

Ti odio, ma ti amo di più

Newton Compton Editori, 14/05/2024

Abstract: Vincitrice del Premio BancarellaUn'autrice da oltre 1 milione di copieNumero 1 in classificaJenny e Ian sono sposati da dieci anni. Hanno due figli, due lavori che li assorbono molto e visioni della vita diametralmente opposte – Jenny rifugge il privilegio, Ian è figlio dell'aristocrazia inglese. Eppure, la routine non ha spento il fuoco che arde tra loro, che si amano ancora come il primo giorno. Infatti, in occasione del decimo anniversario, Ian decide di organizzare un weekend a sorpresa per Jenny e portarla lontano da tutto e da tutti. Tuttavia, gli intoppi non mancano sin dall'inizio della vacanza. Jenny odia le sorprese, ma per amore di Ian sfodererà uno spirito d'avventura che non pensava di avere?Anna PremoliÈ nata nel 1980 in Croazia; vive a Milano dove si è laureata alla Bocconi. Il suo romanzo d'esordio, Ti prego lasciati odiare, è stato un libro fenomeno: per mesi ai primi posti nella classifica, ha vinto il Premio Bancarella. Con la Newton Compton ha pubblicato anche Come inciampare nel principe azzurro, Finché amore non ci separi, Tutti i difetti che amo di te, Un giorno perfetto per innamorarsi, L'amore non è mai una cosa semplice, L'importanza di chiamarti amore, È solo una storia d'amore, Un imprevisto chiamato amore, Non ho tempo per amarti, L'amore è sempre in ritardo, Questo amore sarà un disastro, Molto amore per nulla, Tutto a posto tranne l'amore, Non sono una signora, Sfida all'ultimo bacio, Un amore sulla neve, In amore vince chi rischia e Tutto troppo complicato. Tre di questi titoli sono stati opzionati da case di produzione cinematografica.

Il guerriero
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Scarrow, Simon - Andrews, T. J.

Il guerriero

Newton Compton Editori, 14/05/2024

Abstract: Un autore da oltre 5 milioni di copieUn grande romanzo storico18 d.C. L'impero romano governa gran parte del mondo conosciuto. Oltre la frontiera settentrionale si trova la Britannia, resa vulnerabile alle ambizioni di Roma dalle continue faide tra le varie tribù celtiche.Carataco, figlio di un potente re, non ha idea del destino che lo attende quando viene inviato a addestrarsi con i druidi. Un regime brutale, che trasforma il giovane principe in un guerriero dotato di abilità militari e di un'astuzia strategica essenziali per sconfiggere il più forte dei nemici. Niente, però, può davvero preparare un uomo alla crudele realtà della guerra.Quando il padre di Carataco prende posizione contro le aggressive tribù vicine, non è più tempo per le esercitazioni; questa è una lotta all'ultimo sangue. Ma Carataco e i suoi leali compagni sono pronti a fare tutto il necessario e a sopportare qualsiasi difficoltà per sconfiggere coloro che vogliono distruggere il loro regno.Mentre il caos e la devastazione si diffondono per tutta la Britannia, ovunque aleggia la presenza minacciosa di Roma. Anche se una battaglia è stata vinta, il conflitto con l'impero è sempre più imminente…"Feroce e avvincente."Daily Express"Un nuovo libro di Simon Scarrow è sempre una gioia."The Times"I romanzi di Simon Scarrow sono tra i migliori."The Independent"Davvero un'ottima lettura."Bernard CornwellSimon ScarrowÈ nato in Nigeria. Dopo aver vissuto in molti Paesi, si è stabilito in Inghilterra. È un grande esperto di storia romana. Il centurione, il primo dei suoi romanzi storici pubblicato in Italia, è stato per mesi ai primi posti nelle classifiche inglesi. Scarrow è autore delle serie Le aquile dell'impero, Roma arena saga, I conquistatori e Revolution saga. Ha firmato anche i romanzi L'ultimo testimone (con Lee Francis), Eroi in battaglia, La flotta degli invincibili, Il guerriero (con T.J. Andrews) e i thriller Blackout e La notte dei cadaveri.

Quello che sussurra il vento
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Harmon, Amy

Quello che sussurra il vento

Newton Compton Editori, 14/05/2024

Abstract: Autrice bestseller del New York TimesAnne Gallagher è cresciuta ascoltando le storie del nonno sull'Irlanda. Dopo la sua morte, vi si reca per spargere le sue ceneri e inaspettatamente, immersa nei ricordi dell'uomo a cui ha voluto tanto bene, si ritrova nel 1921. L'Irlanda di quel tempo è un luogo pericoloso: spirano venti di guerra e i combattimenti sono quasi quotidiani. Confusa e disorientata, Anne si risveglia affidata alle cure del dottor Thomas Smith, tutore di un bambino dall'aria molto familiare. Quando viene scambiata per la madre del piccolo, scomparsa da tempo, Anne ne assume l'identità, avvertendo un legame con lei. Intanto, la tensione nel Paese continua a crescere: Thomas decide di combattere per l'indipendenza e Anne si schiera al suo fianco. Giorno dopo giorno, il cuore della donna comincia a battere per il medico e tornare al presente non le sembra più l'idea migliore. L'amore tra Anne e Thomas riuscirà a superare ogni avversità e a sopravvivere alla prova del tempo?Una protagonista di grande coraggio.Un viaggio nel passato.Un romanzo che insegna che l'amore vince su tutto, anche sul tempo."Una delle autrici romance più amate."io DonnaAmy HarmonÈ autrice di I cento colori del blu, che ha scalato le classifiche del "New York Times", Sei il mio sole anche di notte, Infinito + 1, Hai cambiato la mia vita, Il segreto di Eva, L'incantesimo della spada, Quello che sussurra il vento (pubblicati dalla Newton Compton), e altri bestseller.

Mezzanotte. Effetto strega
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Cross, Juliette

Mezzanotte. Effetto strega

Newton Compton Editori, 14/05/2024

Abstract: Don't Hex and DriveStrega timida e introversa, Isadora Savoie trascorre gran parte del tempo nella sua serra oppure al rifugio per animali, dove esercita con dedizione i suoi poteri curativi. Tuttavia, quando alcune ragazze del vicinato scompaiono, si ritrova suo malgrado coinvolta nel mistero e si mette a cercare indizi. Il suo unico alleato nell'indagine? Devraj Kumar, un vampiro seducente con un unico hobby: flirtare. Dopo trecento anni trascorsi da leggendario guerriero che si muove nell'ombra, Devraj è irrimediabilmente attratto da Isadora, che è il suo esatto opposto e sembra non subire per nulla il suo fascino oscuro. Lui vuole conoscerla meglio, carpirne ogni segreto e rubarle il cuore. Tra maratone di film bollywoodiani, app di dating sovrannaturali e lezioni di guida sexy, Devraj riuscirà a conquistare Isadora? E soprattutto, insieme scopriranno che fine hanno fatto le ragazze scomparse?Una strega timida e introversa.Un vampiro dal fascino irresistibile.Il caos è assicurato…"La serie della Cross è perfetta per chi ama il paranormal romance."Booklist"Juliette Cross è la mia nuova autrice preferita."Juliette CrossÈ l'autrice bestseller di una ventina di romanzi fantasy e paranormal romance. Originaria della Louisiana, attualmente vive a New Orleans. È co-conduttrice del podcast Smart Women Read Romance.