Biblioteca Comunale "Luigi Parazzi" - Viadana

Biblioteca Comunale "Luigi Parazzi" - Viadana

Premio Viadana

Perché a Viadana?

           E’ la città di Daniele Ponchiroli, caporedattore dell’Einaudi negli anni Sessanta e Settanta del Novecento. Con Bollati e Calvino è stato l’uomo chiave per più di vent’anni all’interno della Casa Editrice. La sua eredità culturale è oggi trasmessa attraverso la Fondazione Ponchiroli, con sede a Viadana, che partecipa all’organizzazione del Premio.

Una storia consolidata:

          Il Comune di Viadana ha istituito il Premio nel 1996  inserendolo in forma stabile tra le proprie attività culturali.  Affidata l’organizzazione alla Biblioteca Comunale "Luigi Parazzi", l’iniziativa ha incontrato successo immediato tra la popolazione e interesse crescente da parte degli Editori. Quanto sopra non si dice a puro scopo celebrativo ma è il risultato di anni di consapevole lavoro critico nel campo della narrativa italiana: della adeguatezza delle scelte dei finalisti e della maturità dei lettori giurati sono testimoni le dichiarazioni pubbliche di tutti gli scrittori presentati.

Finalità e caratteri:

          La principale finalità del Premio Viadana è di carattere culturale-sociale: porre lo scrittore a contatto diretto col pubblico dei lettori, in un confronto intergenerazionale e socialmente diversificato per definire e affermare lo spazio della comunicazione scritta nonché diffondere una consapevolezza critica tra i cittadini che lo seguono.

          I libri e gli incontri:

        La giuria popolare sceglie tra i libri che si sono segnalati per originalità nel panorama letterario della narrativa degli ultimi due anni.  Sono altresì individuati i libri maggiormente presenti nei trend di lettura della Rete Bibliotecaria Mantovana e quelli ritenuti di maggiore attualità per quanto attiene il linguaggio e la tematica. Momento centrale è l'incontro con l’autore e l’autrice,  occasione di dibattito diretto, di verifica e di chiarimento con la giuria e il pubblico cittadino. Secondo un calendario concordato, gli incontri si svolgono da maggio a settembre.

Struttura: 

         La Città di Viadana bandisce annualmente il Premio, tramite l’Assessorato Comunale alla Cultura; l'organizzazione è affidata alla Biblioteca Comunale; la Giuria popolare è composta da centoventi cittadini individuati tra i lettori abituali, con particolare riguardo alla diversificazione di età e di condizione sociale: essa compila una graduatoria di gradimento tra cui emerge il vincitore. La Giuria Giovani è composta da 50 studenti delle scuole secondarie di secondo grado; la Commissione Scientifica, presieduta dall’Assessore alla Cultura, è composta da sei membri ed ha il compito di definire la rosa dei finalisti e di gestire gli incontri. Questi i presidenti della Giuria: Pier Carpi (1996-2000); Gianfranco Formichetti (2001); Luigi Bedulli (2002 - 2016); Ilaria Zucchini (2017-2020).

Il Premio: 

         Il premio consiste in 2.000 Euro destinati all’acquisto di copie del libro vincitore da inviare a  biblioteche scolastiche e pubbliche, case circondariali, ospedali ed altre istituzioni di carattere collettivo o sociale.  La premiazione avviene al termine della rassegna, in occasione di una serata di gala, tra settembre e ottobre. 

La manifestazione intende promuovere la Città di Viadana, secondo comune per estensione della Lombardia, sede di affermate strutture produttive di carattere industriale ed agricolo a livello avanzato, centro di un vasto territorio che, tra l'Oglio e il Po, ai confini con l'Emilia si caratterizza da sempre per la sua imprenditorialità, ma si connota altresì per un'antica storia culturale, sociale e politica. Il Premio vuole altresì far conoscere la grande  Biblioteca Comunale di Viadana, che con Mantova costituisce il centro bibliografico storico più importante dell’intera provincia.