Includi: almeno uno dei seguenti filtri
× Classe 003*
× Classe 004*
× Classe 005*
× Classe 006*
× Classe 62*
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Target di lettura Elementari, età 6-10
× Target di lettura Ragazzi, età 11-15
× Target di lettura Prescolare, età 0-5
× Editore Tecniche nuove <casa editrice>
× Data 2018
× Soggetto Fisica
× Lingue Latino
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Intelligenza artificiale

Trovati 40 documenti.

Numeri intelligenti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Polson, Nick <1963-> - Scott, James <docente di statistica>

Numeri intelligenti : la matematica che fa funzionare l'intelligenza artificiale di Google, Facebook, Apple & Co. / Nick Polson e James Scott ; traduzione di Giuseppe Bozzi

Milano : UTET, 2019

Abstract: L'intelligenza artificiale non appartiene più a un futuro fantascientifico: è già qui, e sta cambiando il mondo uno smartphone alla volta. I medici la usano per diagnosticare i tumori; gli scienziati, per fare nuove scoperte in fisica e neuroscienze. Aziende e semplici appassionati la sperimentano in mille modi diversi: per rilevare fughe di gas, predire epidemie, salvare le api dall'estinzione. Eppure, quando si parla di IA, di solito è per risvegliare paure e alimentare inquietudini, che di volta in volta assumono le malvagie sembianze dei Borg di "Star Trek", di HAL9000 in "2001: Odissea nello spazio", o di colossi digitali avidi di informazioni su di noi come Google o Amazon. Secondo Nick Polson e James Scott, non può essere la paura, ma la curiosità, ad aiutarci a capire concretamente che cos'è l'IA, e soprattutto come funziona. Come impara un'automobile a guidare da sola? Come riesce Alexa a capire quello che le diciamo? Come fa Facebook a riconoscere i volti dei nostri amici, e Netflix a suggerirci serie tv così azzeccate? Attraverso le storie di sette scienziati geniali, "Numeri intelligenti" racconta le meraviglie del pensiero che si nascondono dietro l'IA e i meccanismi matematici che la muovono: scopriamo così che una materia considerata spesso astrusa e inaccessibile si basa in realtà su un pugno di idee matematiche sorprendentemente semplici, nate non nella Silicon Valley dei millennials, ma dalle intuizioni straordinarie di uomini e donne vissuti a volte secoli fa, che non potevano immaginare le immense opportunità della rivoluzione tecnologica che stiamo vivendo. Una rivoluzione che è solo all'inizio: c'è una moltitudine di problemi in attesa di buone soluzioni, e per trovarle è necessaria un'alleanza coraggiosa e consapevole tra la creatività umana e la potenza di calcolo dei supercomputer. Con e-book scaricabile fino al 30 giugno 2019.

Il confine del futuro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rossi, Francesca <1962->

Il confine del futuro : possiamo fidarci dell'intelligenza artificiale? / Francesca Rossi

Milano : Feltrinelli, 2019

Varia

Abstract: L'intelligenza artificiale è ancora in una fase di incubazione. Qualche esemplare fa già parte della nostra vita, come il navigatore satellitare o la pubblicità personalizzata sul web. Altre tecnologie arriveranno presto a cambiare il nostro mondo. Per esempio, il machine learning e la macchina a guida autonoma. Di queste tecnologie, appena sconfinate dalla fantascienza alla scienza, si occupa Francesca Rossi al T.J. Watson Research Center di Ibm a New York. Che cosa significa trovarsi al fronte del progresso scientifico? Rossi racconta dall'interno del laboratorio le sfide del ricercatore di ia e spiega che oggi non consistono solo nel potenziamento delle capacità di questa nuova tecnologia, ma anche nel massimo beneficio possibile per la società e dunque nello studio delle implicazioni etiche di questa straordinaria rivoluzione. Quando si tratta di intelligenza artificiale, la nozione di "intelligenza" non è poi così lontana da quella che usiamo nel linguaggio di tutti i giorni e indica la capacità di prendere decisioni, di pianificare e di fare inferenze. "Per poterci fidare dell'ia, allora, è importante che essa segua i nostri stessi principi etici e valori morali e che abbia compreso perfettamente qual è il problema che deve risolvere. Dato che molte tecniche di ia si basano in modo fondamentale su grandi quantità di dati personali e le aziende devono essere responsabili e trasparenti." Rossi, recentemente incaricata dalla Commissione Europea di guidare il gruppo di ricerca che sovrintende alla diffusione dell'ia, racconta la storia di questa rivoluzione epocale e ci guida fino alle scoperte più recenti, portandoci sino al confine del futuro, che finalmente diventa immaginabile.

L'intelligenza artificiale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Boden, Margaret A. <1936->

L'intelligenza artificiale / Margaret A. Boden

Bologna : Il mulino, 2019

Universale paperbacks Il mulino ; 749

Abstract: Siamo continuamente alle prese con l’Intelligenza Artificiale e le sue applicazioni pratiche: nelle nostre case, in ufficio, a scuola, al cinema, in auto, oltre che sulla Rete. Al di là delle ricadute tecnologiche, inestimabile è il contributo che l’Intelligenza Artificiale ha dato al lavoro degli psicologi, dei neuroscienziati e dei biologi, i quali ne hanno ricavato nuove prospettive e conoscenze sulla mente, sul cervello e sulla natura stessa della vita. Altrettanto significativa è l’influenza che essa ha avuto in campo filosofico, in particolare su temi controversi come il rapporto mente-corpo, il libero arbitrio e la coscienza.

L'algoritmo definitivo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Domingos, Pedro

L'algoritmo definitivo : la macchina che impara da sola e il futuro del nostro mondo / Pedro Domingos ; traduzione di Andrea Migliori

Torino : Bollati Boringhieri, 2016

Abstract: La nostra società è immersa negli algoritmi. Ogni volta che visitiamo un sito web cercando un libro o un film, o che navighiamo tra i negozi online, lasciamo dietro di noi una lunga traccia digitale che descrive le nostre abitudini e le nostre preferenze; questa traccia è il "materiale grezzo", il database da cui algoritmi sempre più sofisticati traggono le informazioni per proporci il prodotto di cui abbiamo (o crediamo di avere) bisogno. Gli algoritmi ci osservano, ci imitano e fanno esperimenti su di noi, per raggiungere lo scopo che è considerato il Santo Graal della ricerca informatica: l'Algoritmo Definitivo in grado di estrarre tutte le informazioni dai dati e fare tutto, proprio tutto ciò che vogliamo, persino prima che lo chiediamo. Questo, dal punto di vista commerciale. Ma c'è anche un lato scientifico della questione, il machine learning, ovvero il campo di studi che si pone come scopo quello "niente meno" di automatizzare le scoperte. Si tratta in sostanza di trovare un algoritmo in grado di programmare se stesso. Sembra fantascienza, e invece è una disciplina nel pieno del suo fermento. Pedro Domingos è universalmente considerato uno degli scienziati di punta in questo settore. Sotto la sua guida scopriremo gli algoritmi che si nascondono dietro le nostre ricerche su Google, Amazon e Netflix. Con lui, scopriremo che esistono ben cinque scuole di pensiero differenti.

Computer e cervello
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Von Neumann, John <1903-1957>

Computer e cervello / John Von Neumann ; traduzione di Paolo Bartesaghi

Milano : Il Saggiatore, 2014

Abstract: Von Neumann esplora, in questo libro, le analogie tra le macchine computerizzate e il cervello umano. John von Neumann conclude che il cervello opera in parte in modalità digitale e in parte in modalità analogica, utilizzando un peculiare linguaggio statistico, e definisce la sostanziale equivalenza tra l'uno e l'altro. Scritto più di mezzo secolo fa, quando le neuroscienze avevano a disposizione solo strumenti tra i più primitivi, von Neumann aveva previsto anche l'essenziale accelerazione della tecnologia e le sue inevitabili conseguenze sull'incipiente e singolare trasformazione dell'esistenza umana.

9 algoritmi che hanno cambiato il futuro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

MacCormick, John <omonimi non identificati>

9 algoritmi che hanno cambiato il futuro / John MacCormick

Milano : Apogeo, 2012

Abstract: Quotidianamente, senza pensarci troppo, con i nostri strumenti tecnologici (ingombranti computer o eleganti dispositivi mobili), facciamo cose che probabilmente anche Einstein avrebbe considerato straordinarie: cerchiamo in rete, tra miliardi di documenti, quei due o tre soltanto che ci interessano davvero; archiviamo dati in quantità enormi; facciamo acquisti, probabilmente in contemporanea con altre migliaia di utenti; trasmettiamo informazioni confidenziali, come il numero della carta di credito, in modo sicuro; comprimiamo le dimensioni di immagini di molti megabyte per inviarle via email; e, infine, facciamo ricorso, inconsapevolmente, all'intelligenza artificiale quando il nostro smartphone corregge in maniera automatica i nostri messaggi. Se siamo diventati così bravi lo dobbiamo ad alcune idee fondamentali che sono state sviluppate nel XX secolo ­ non idee solo brillanti, bensì algoritmi: ricette precise che specificano sequenze di passi da compiere per risolvere un problema. Senza un algoritmo come PageRank, Google non saprebbe classificare le pagine web ogni volta che effettuiamo una ricerca; senza algoritmi come quelli della crittografia a chiave pubblica, Amazon o eBay non potrebbero eseguire transazioni sicure; senza gli algoritmi di compressione le comunicazioni via cellulare o chat consumerebbero così tanta banda da risultare farraginose se non impossibili...

La strana storia dell'androide Philip K. Dick
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dufty, David F.

La strana storia dell'androide Philip K. Dick / David F. Dufty ; traduzione dall'inglese di Maurizio Nati

Roma : Fanucci, 2012

Abstract: Alla fine del gennaio 2006, un giovane esperto di robotica perse una borsa da viaggio su un volo da qualche parte tra Dallas e Las Vegas. Dentro c'era una testa completamente funzionale della replica androide del famoso scrittore di fantascienza Philip K. Dick. La testa non venne mai più recuperata... che fine avrà fatto? L'androide PKD non solo sembrava stranamente simile allo scrittore, ma si muoveva e parlava come lui. Accolto da un grande successo, aveva ricevuto premi prestigiosi, catturando l'attenzione dei media internazionali e tenendo la comunità scientifica sulle spine. Poi, un bel giorno, sparì. In questo libro, David Dufty porta alla luce gli incredibili eventi che circondano la creazione e la scomparsa del Philip K. Dick androide, rendendo possibili e affascinanti i mondi inventati dallo scrittore che più di ogni altro ha influenzato il nostro presente.

Che cos'e' la robotica autonoma
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nolfi, Stefano

Che cos'e' la robotica autonoma / Stefano Nolfi

Roma : Carocci, 2009

Abstract: Come può un robot riuscire a portare a termine un compito in modo autonomo, senza l'intervento dell'uomo? Quale tipo di capacità deve possedere? Può sviluppare tali competenze attraverso un processo di apprendimento? Che relazione c'è tra un robot autonomo e un organismo naturale? Quali sono le nuove frontiere della robotica? Il testo, nel rispondere a questi interrogativi, analizza una serie di robot autonomi in grado di svolgere compiti quali riconoscere e afferrare oggetti, navigare verso un obiettivo e cooperare e comunicare con altri robot.

L'uomo, la macchina, l'automa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sini, Carlo <1933->

L'uomo, la macchina, l'automa : lavoro e conoscenza tra futuro prossimo e passato remoto / Carlo Sini

Torino : Bollati Boringhieri, 2009

Abstract: Il sogno dell'automa, della macchina pensante, è antico, ma mai come oggi suscita speranze e timori, desideri e riprovazioni. Il libro di Sini ne scandaglia la storia, pervenendo al sorprendente risultato, non solo di rimuovere perduranti ingenuità e superstizioni, ma anche di capovolgere i termini del problema: è davvero l'automa il doppio dell'umano o non è già l'umano, nella storia del suo corpo e del suo lavoro, un automa in cammino? L'intera cultura funziona infatti come un grande automa; essa è da sempre mossa e governata dal sogno di resuscitare il fantasma dell'origine e di impadronirsi in tal modo di ciò che eternamente si muove da sé, cioè della sostanza fatale e immaginaria dell'automa immortale.

Intelligenza artificiale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Battaglia, Pippo

Intelligenza artificiale : dagli automi ai robot intelligenti / Pippo Battaglia ; prefazione di Margherita Hack

Torino : Utet Libreria, [2006]

Abstract: Risale al paleolitico superiore l'idea di costruire dei marchingegni che sapessero simulare in maniera del tutto autonoma i movimenti degli esseri viventi e la realizzazione di primitive bambole, con braccia mobili, fu uno dei primi successi nell'arte di progettare e costruire marchingegni semoventi. Un maestro in questa disciplina si dimostrò Archimede che costruì delle macchine tanto complesse da permettere a Siracusa di resistere all'assedio dei romani per due anni. Lo scopo di realizzare un automa ad litteram esercitò un forte richiamo nella comunità scientifica di quei secoli; richiamo a cui non sfuggì neanche Leonardo. Anche Cartesio e La Mettrie utilizzarono il concetto di automa nella loro filosofia secondo la quale il progetto di realizzare un automa faceva divenire gli uomini simili agli dei anche se non prevedeva, inizialmente, che un automa fosse necessariamente intelligente. Infatti sino agli inizi del XX Secolo non si pensava agli automi come esseri artificiali intelligenti. Fu la letteratura fantastica a introdurre l'idea di poter fabbricare esseri senzienti artificiali, che Kapek chiamò robot in un sua opera teatrale del 1920. Trent'anni dopo Alan Turing pubblicò un articolo in cui si chiese: le macchine possono pensare? Sulla base di quella domanda si originò una nuova disciplina di cui oggi esistono due ambiti di ricerca: la robotica e l'intelligenza artificiale. La storia suggestiva di questo progetto scientifico, che ha inizio agli albori dell'umanità, è descritta nel volume.

Intelligenza artificiale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Intelligenza artificiale : dal test di Turing alle macchine pensanti

Roma : Le scienze, 2005

L'intelligenza collettiva
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Levy, Pierre

L'intelligenza collettiva : per un'antropologia del cyberspazio / Pierre Levy ; traduzione di Donata Feroldi e Maria Colo

Milano : Feltrinelli, 2002

Abstract: Rete di reti che si basano sulla comunicazione anarchica di migliaia di centri informatici nel mondo, Internet è diventata oggi il simbolo del grande medium definito cyberspazio. Quanto poi al futuro che esso dischiude, non esiste un determinismo tecnologico o economico; si prospettano per i governi, i grandi operatori economici, i cittadini scelte politiche e culturali fondamentali. Non si tratta di ragionare esclusivamente in termini di impatto, ma anche di progetto, si tratta di inventare tecniche, sistemi di segni, forme di organizzazione sociale che permettano di pensare assieme, concentrare forze intellettuali e spirituali, moltiplicare immaginazioni ed esperienze, negoziare soluzioni pratiche ai problemi complessi.

Cybugs: possono le macchine pensare?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cybugs: possono le macchine pensare? / a cura di Andrea Bonarini ... [et al.]

Cinisello Balsamo : Silvana Editoriale, [2002]

L'evoluzione delle macchine
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dyson, George B.

L'evoluzione delle macchine : da Darwin all'intelligenza globale / George B. Dyson

Milano : Cortina, 2000

Abstract: In questo libro l'autore sposa la causa dell'artificiale contro ogni timore che la tecnologia dei computer renda l'uomo antiquato. Reinterpretando alcuni grandi pensatori (Hobbes, Darwin), analizzando le radici, vecchie di secoli, di innovazioni apparentemente moderne, Dyson racconta l'evoluzione dell'intelligenza meccanica collettiva. Oggi lo sviluppo della logica, dei grandi computer, della vita e dell'intelligenza artificiale consente di integrare le intuizioni del passato in una prospettiva, quella dell'intelligenza globale, che non è solo umana né solo meccanica, costituendo una tappa inedita nell'evoluzione del nostro pianeta.

Il fantasma dell'intelligenza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rossi, Arcangelo

Il fantasma dell'intelligenza : alla ricerca della mente artificiale / Arcangelo Rossi

Napoli : CUEN, [1998]

L' intelligenza artificiale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ganascia, Jean-Gabriel

L' intelligenza artificiale : un manuale per capire, un saggio per riflettere / Jean-Gabriel Ganascia

Milano : Il saggiatore, c1997

Aspetti applicativi delle reti neurali artificiali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ferrari, Antonella <esperta di informatica>

Aspetti applicativi delle reti neurali artificiali / Antonella Ferrari ; prefazione di Giuseppe Carrella

Milano : Angeli, c1997

Abstract: Questo libro è una introduzione al mondo dello sviluppo di applicazioni tramite l'utilizzo delle reti neurali. Che cosa sono le reti neurali artificiali? Che cosa si può fare? Come funzionano? Queste sono alcune delle domande a cui il libro intende rispondere.

Manuale sulle reti neurali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Floreano, Dario

Manuale sulle reti neurali / Dario Floreano

Bologna : il Mulino, [1996]

Abstract: Le reti neurali artificali sono al centro di un nuovo settore scientifico in rapida espansione. Esse costituiscono una famiglia di sistemi di intelligenza artificiale i cui meccanismi di funzionamento si ispirano ai circuiti nervosi biologici. L'elemento fondamentale che le caratterizza, infatti, è la capacità di apprendere un compito in base all'esperienza, modificando la propria struttura interna in funzione delle esigenze ambientali. Questa proprietà ha reso le reti neurali protagoniste di una grande rivoluzione nel modo di concepire e studiare la mente, nonché nella realizzazione di sistemi di intelligenza artificiali.

Concetti fluidi e analogie creative
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Hofstadter, Douglas R.

Concetti fluidi e analogie creative : modelli per calcolatore dei meccanismi fondamentali del pensiero / Douglas R. Hofstadter e il Gruppo di ricerca sulle analogie fluide

Milano : Adelphi, [1996]

Abstract: L'analogia è un processo intellettivo fondamentale e tuttavia quanto mai misterioso. La scienza ne ha sempre diffidato. Eppure l'analogia continua ad agire a tutti i livelli. L'autore ne ha voluto rovesciare la prospettiva, affrontando il tema dall'interno di una pionieristica indagine sui modelli computazionali della creatività umana. Ma per programmare un calcolatore in vista di un qualsiasi risultato, bisogna definire i processi con tanta rigida precisione che non è più lecito parlare di creatività. Qui si evita la trappola facendo entrare in campo le analogie fluide: il percorso creativo diventa un navigare a vista, scrutando in ogni direzione. L'attività di pensiero ha una natura parallela.

Macchine e automi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Macchine e automi / [a cura di] SISSA-Laboratorio Interdisciplinare, [LIS] Laboratorio dell'Immaginario Scientifico

Napoli : CUEN, [1995]