Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Soggetto Fisica
× Soggetto Enciclopedie
Includi: tutti i seguenti filtri
× Livello Monografie
× Paese Italia

Trovati 341552 documenti.

Non ci sono lupi cattivi in questa storia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carter, Lou <1975-> - Allwright, Deborah <illustratrice>

Non ci sono lupi cattivi in questa storia / Lou Carter, Deborah Allwright

Picarona, 2021

Abstract: Il Lupo cattivo è in ritardo... di nuovo! I Tre porcellini stanno sbuffando e la Nonna è arrabbiata. Ma come può, povero Lupo, essere contemporaneamente in due favole? Ora, però, ne ha avuto abbastanza: non ci saranno più Lupi cattivi in questa storia! Riusciranno i personaggi delle favole a fare a meno di lui? O scopriranno che, in fin dei conti, hanno davvero bisogno di un Lupo cattivo?

Katinka e la sua coda
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kerr, Judith <1923-2019>

Katinka e la sua coda / Judith Kerr ; traduzione di Alessandra Roccato

HarperCollins, 2021

Abstract: Judith Kerr, con il suo tratto ironico e fantasioso, ci accompagna dentro il mondo magico di Katinka, una gatta apparentemente come tante altre, ma con una coda a dir poco straordinaria.

Giuseppe Verdi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Picchi, Andrea <1993->

Giuseppe Verdi / Andrea Picchi ; [illustrazioni di Anita Perlini]

Curcio, 2021

Abstract: Quando si pensa all'Opera viene in mente tutta una serie di nomi illustri, tra cui non può mancare quello di Giuseppe Verdi. Compositore e operista, è stato negli anni dell'Unificazione d'Italia forse il più celebre fra tutte le personalità musicali del tempo. Uomo tanto schietto e onesto, quanto patriota e democratico, ha posto una firma indelebile nella Storia e sui modi di raccontare con l'ausilio della musica. Ripercorriamo insieme la folgorante carriera di Giuseppe Verdi e osserviamo con la lente di un bambino un gigante della musica.

Manuale del ragioniere comunale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Manuale del ragioniere comunale : come si applica e come funziona la contabilità dell’ente locale : nuova edizione 2021 rivista integrata ed aggiornata a: Legge n. 178/2020, Legge di Bilancio 2021, Normativa Covid-19 / Mauro Bellesia

Santarcangelo di Romagna : Maggioli, 2021

Progetto ente locale. Bilancio, contabilità e tributi ; 296

Abstract: Il presente manuale tratta in modo completo ed esaustivo la disciplina dell'ordinamento finanziario e contabile degli enti locali dal punto di vista di chi lo applica quotidianamente, il Responsabile del servizio finanziario. Norme, regole e adempimenti sono illustrati, sintetizzati e commentati in stretta correlazione alle funzioni e alle responsabilità del "Ragioniere", privilegiando un approccio operativo, ma senza trascurare aspetti metodologici, suggerimenti o approfondimenti finalizzati ad una migliore comprensione del contesto, dell'evoluzione e delle criticità del quadro di riferimento attuale. Per poter dirigere oggi la Ragioneria di un Ente, occorrono non solo professionalità adeguate e aggiornamento continuo, ma anche capacità interdisciplinari non comuni per intuire e decifrare in anticipo gli effetti delle norme e degli atti amministrativi, intercettando quelli importanti, per i quali vale la pena dedicare tempo e maggior attenzione. Il presente manuale ha lo scopo di guidare l'azione di chi riveste o intende ricoprire il difficile ruolo di Ragioniere comunale. Il manuale è stato aggiornato alla L. n. 178/2020, Legge di Bilancio 2021, norme Covid-19, Tesoreria, PagoPA, ecc. Al fine di semplificare la lettura, nel testo è inserito questo indicatore grafico che evidenzia i punti critici e rappresenta una guida trasversale di lettura con collegamenti, riferimenti normativi, riflessioni e consigli. Alla fine dell'opera sono resi disponibili due strumenti di grande utilità: la mappa dei principali adempimenti e dei controlli con i relativi riferimenti normativi, il glossario e indice analitico degli argomenti per facilitarne le ricerca per argomento all'interno del testo. Tramite il codice alfanumerico allegato al volume, sarà possibile accedere alla documentazione online disponibile in formato modificabile: schemi di delibera: di approvazione del DUP, del PEG, del bilancio, del rendiconto, dei prelievi dai fondi di riserva, di salvaguardia degli equilibri, di ricognizione delle società partecipate, schema di programma triennale lavori pubblici, di programma biennale acquisizione forniture e servizi, schema di convenzione di tesoreria, del regolamento di contabilità, degli indicatori, file excel: per il calcolo dei limiti della spesa, per il calcolo del consolidamento, check list, la normativa di riferimento.

Un uomo pieno di gioia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Garboli, Cesare

Un uomo pieno di gioia / Cesare Garboli ; prefazione di Emanuele Trevi

Roma : Minimum fax, 2021

Classics ; 92

Abstract: Per Emanuele Trevi queste pagine costituiscono il primo capolavoro di «uno dei più grandi narratori del suo tempo, un impareggiabile collezionista di anime in pena». Apparvero per la prima volta nel 1982, sotto forma di introduzione ai Diari di Delfini, e nel 1989 Cesare Garboli le raccolse nei suoi Scritti servili. Ora vengono qui riproposte autonomamente, e con le ultime parole del testo come titolo: "Un uomo pieno di gioia". Con una precisa speranza: che siano lette o rilette non più come un saggio di critica letteraria, ma come un racconto borgesiano. Per quello che sono, in fondo: l'addio a un amico. Quando si conoscono, sul lungomare di Viareggio, sono precoci entrambi: Garboli è un adolescente di diciassette anni, Delfini uno scrittore postumo e dichiaratamente fallito di trentanove. A legarli sarà la letteratura. Ma più che uno scrittore, Delfini è un personaggio di romanzo che aspetta di essere scritto. Anche il suo anno di nascita è incerto; la biografia, un sommario di storia italiana. Garboli ce lo descrive «squinternato, balordo, puerile», un tipo che «non fa che scambiarsi con un altro e non ama, di sé, che il proprio contrario», eppure giocoso e allegrissimo. Ce lo mostra nello spicchio di luce di un caffè, davanti al banco, mentre cena da solo o mette in scena lo sperpero del suo talento, e infine ammalato in un letto, a leggere Stendhal, a Modena, la sua città natale, con la vita alle spalle. Uno scrittore di quaderni smarriti, ma a cui sempre il sorriso «scucchiaiava la faccia, tagliandola da un orecchio all'altro». "Un uomo pieno di gioia" è la storia di un irripetibile apprendistato alla vita, che è sempre la più difficile tra tutte le filologie. Prefazione di Emanuele Trevi.

La stanza numero 30
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La stanza numero 30 : cronache di una vita / Ilda Boccassini

Milano : Feltrinelli, 2021

Serie bianca

Abstract: Arrivata nel 1979 alla procura di Milano, Ilda Boccassini capisce subito che la vita non sarà facile. Raccogliendo il palese malumore dell'allora procuratore, il "Corriere della Sera" commenta il giorno stesso che "il lavoro inquirente poco si adatta alle donne: maternità e preoccupazioni famigliari male si conciliano con un lavoro duro, stressante e anche pericoloso". Inizia così per "Ilda la rossa" un corpo a corpo dentro e fuori la procura, che durerà fino al giorno della pensione, nel dicembre 2019. Il lavoro è duro, certo, ma entusiasmante già dal primo periodo, a partire dai successi ottenuti insieme a Giovanni Falcone nell'indagine "Duomo connection", che svela la presenza di Cosa nostra a Milano. Fino al giorno in cui tutto finisce e tutto comincia: il 23 maggio 1992, lo squarcio sull'autostrada, la strage di Capaci. Si parte allora per la Sicilia, bisogna indagare su quelle morti, sconsigliata da tutti, perseguitata dal senso di colpa per i figli lasciati a Milano. Ma è necessario capire, dare giustizia. Il ritorno in procura, nella stessa stanza numero 30, è già Seconda repubblica e sarà segnato dai processi Imi-Sir, Lodo Mondadori, "Toghe sporche", che la portano ad affrontare anche Silvio Berlusconi, fino agli anni duemila con il caso Ruby. E con quei processi, l'inizio di una campagna d'odio che dura da decenni. Queste pagine ripercorrono gli avvenimenti da uno straordinario punto di vista: quello di una donna libera, sotto la toga e nella vita che ha scelto, con la forza di pochi e la fragilità di tutti.

Conosco un posto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Conosco un posto : Milano / Zanzi Caterina

[S.l] : Magazzini Salani, 2021

Abstract: Cinquecento posti imperdibili da scoprire e riscoprire in città. Affascinante, liberty, cosmopolita: Milano ha un'identità in continua evoluzione, sempre al passo con i tempi eppure capace di mantenere intatto il proprio carattere inconfondibile. Ma la città della moda e degli affari ha anche un volto conviviale, che si svela a poco a poco, attraverso i suoi caffè, le cucine dal mondo, le trattorie tradizionali. E non mancano neppure piccole boutique in cui fare acquisti originali, gallerie e luoghi d'arte da visitare. A guidarci alla scoperta della città è Conosco un posto , il blog più amato dai milanesi. Fondato nel 2014 da Caterina Zanzi, racconta angoli inediti, indirizzi per veri intenditori e location imperdibili. Dall'aperitivo in terrazza alla cena gourmet, dallo shopping agli eventi serali, senza dimenticare musei e monumenti: tanti consigli e spunti pensati per chi abita a Milano, per chi la abiterà e per chi vuole visitarla, anche solo per un weekend. Conosco un posto è la guida completa alla città più moderna d'Italia: tutto il meglio di Milano in più di 500 indirizzi, perché in fondo «ogni posto del cuore è un luogo in cui fare ritorno».

Giulio 2.
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giulio 2. : il papa del Rinascimento / Giulio Busi

Milano : Mondadori, 2021

Le scie

Abstract: Due grandi figli della Liguria si contendono il Rinascimento. Per Cristoforo Colombo, il mare è l'occasione di riscatto e di successo. Per Giuliano Della Rovere c'è Santa Madre Chiesa. Giovanissimo, Giuliano viene proiettato sulla scena dallo zio, asceso al soglio pontificio come Sisto IV. La nomina a cardinale gli arriva quando non è ancora trentenne, nel 1471. Non si fermerà più. Passo dopo passo, scontro dopo scontro, cresce in potere, fama, forza diplomatica. S'impone grazie a un talento innato per l'intrigo, ma anche a un'incrollabile fede nella missione della Chiesa. Tiene testa ad Alessandro VI Borgia, il suo grande, temibile rivale. Partecipa a quattro conclavi, e da quello del 1503 esce papa come Giulio II. I dieci anni del suo pontificato sono i più splendidi e controversi di tutta l'età rinascimentale. Attira a sé i supremi artisti del tempo e li coinvolge in programmi ambiziosissimi, stabilendo con loro un rapporto spesso conflittuale, eppure sempre fecondo. Con Bramante progetta l'immenso cortile del Belvedere e avvia la costruzione della nuova basilica di San Pietro. Ingaggia un riottoso Michelangelo, lo costringe all'opera immane della volta della Sistina e gli commissiona il proprio gigantesco monumento funebre. Affida a Raffaello la decorazione delle Stanze vaticane. Perché sa che l'arte genera prestigio e, insieme al ferro e al fuoco della guerra, potrà rendere di nuovo grande la Chiesa. Di questo pontefice, terribile e lungimirante, Giulio Busi descrive con acume anche la dimensione quotidiana e affettiva. Dietro al papa guerriero e collerico scopriamo così il religioso di solida cultura, l'amante della compagnia femminile, il padre premuroso della bella e saggia Felice, l'uomo afflitto dalla solitudine. È l'altra faccia del mito, il teatro delle ombre che accompagna le luci di un'Italia nella sua massima fioritura. Tutt'attorno ruota il mondo delle corti italiane e delle grandi potenze europee, fitto di trame e tradimenti, in cui gli alleati di oggi si trasformano, in un battibaleno, in nemici mortali. In questo turbinio di splendori e miserie, di sublimi capolavori e crimini efferati, Giulio II si fa largo con il suo stile inimitabile, fatto di arroganza, flessibilità e, perché no, idealismo. Il suo ideale? Il potere terreno, a tutti costi, come garanzia della Chiesa universale. E se qualcuno vuol dubitare, si accomodi pure, ma stia in disparte. Lui, dei dubbi, non sa che farsene.

Morgana. L'uomo ricco sono io
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Murgia, Michela <1972-> - Tagliaferri, Chiara

Morgana. L'uomo ricco sono io / Michela Murgia, Chiara Tagliaferri

Mondadori, 2021

Abstract: "Una ragazza dovrebbe avere una stanza tutta per sé e una rendita di 500 sterline l'anno." Con questa frase politicamente rivoluzionaria e di cui purtroppo la memoria collettiva ha conservato solo la prima parte, Virginia Woolf lega strettamente il discorso sull'emancipazione femminile ai soldi, presentati come la premessa stessa della libertà. Il denaro è il vero tabù da violare quando si parla di donne perché è il potere più grande, quindi per definizione è stato per anni solo degli uomini. Ma allora perché tutt ә continuano a consigliare alle donne, oggi come allora, di sposarsi con un uomo ricco? Perché in molte famiglie si insiste a non insegnare alle ragazze a gestire il denaro, facendo loro credere che farsi procurare da qualcun altrә la sicurezza materiale sia un traguardo di vita? In queste pagine troverete imprenditrici scaltre e un po' corsare, che tra rispettare le leggi o se stesse non hanno mai avuto dubbi, artiste carismatiche che non hanno pensato nemmeno per un momento di dover essere protette dal patrimonio dei loro partner. Vedrete politiche convinte che il miglior modo per arrivare in alto è non farsi vedere mentre si sale, e mistiche per le quali è la natura delle intenzioni, non il denaro con cui le realizzi, a segnare il confine tra ciò che è bene e ciò che è male. Vi emozionerete per campionesse sportive che per vincere tutto hanno rischiato di perdere la sola cosa che contasse davvero, e vi innamorerete di intellettuali contraddittorie che con la loro creatività hanno fatto abbastanza soldi per dichiarare una guerra (e pazienza se era quella sbagliata). Sono donne alle quali la libertà è spesso costata cara, ma che non hanno mai smesso di pensare di potersela permettere, perché volere beni propri e volere il proprio bene spesso sono la stessa cosa.

Il posto degli uomini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cazzullo, Aldo <1966->

Il posto degli uomini : Dante in Purgatorio, dove andremo tutti / Aldo Cazzullo.

Mondadori, 2021

Abstract: Aldo Cazzullo prosegue il viaggio sulle orme del «poeta che inventò l'Italia». Il romanzo della Divina Commedia, dopo l'Inferno, racconta ora il Purgatorio: il luogo del «quasi», dell'attesa della felicità; che è in sé una forma di felicità. Un mondo di nostalgia ma anche di consolazione, dove il tempo che passa non avvicina alla morte ma alla salvezza. Una terra di frontiera tra l'uomo e Dio, con il fascino di una città di confine. La tecnica narrativa è la stessa di A riveder le stelle. La ricostruzione del viaggio nell'Aldilà viene arricchita dai riferimenti alla storia, alla letteratura, al presente. Il Purgatorio è il luogo degli artisti: il musico Casella, il poeta Guinizzelli, il miniaturista Oderisi che cita l'amico di Dante, Giotto. Ci sono i condottieri pentiti nell'ultima ora: Manfredi con il ciglio «diviso» da un colpo, Bonconte delle cui spoglie il diavolo ha fatto strazio, Provenzano Salvani che si umiliò a chiedere l'elemosina per un amico in piazza del Campo a Siena. E ci sono le donne: gli occhi cuciti dell'invidiosa Sapìa, le lacrime disperate della vedova Nella e la splendida apparizione di Pia de'

Supercamper
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cavezzali, Matteo <1983->

Supercamper : un viaggio nella saggezza del mondo / Matteo Cavezzali

Laterza, 2021

Abstract: Mai come in questi mesi di forzata sedentarietà ci siamo resi conto di quanto la dimensione del viaggio arricchisca le nostre vite. Viaggiare è assaporare i primi istanti di quando si arriva in una città nuova, in cui tutto sembra ancora possibile. È immaginare dove condurrà la strada di cui non si vede la fine. È esplorare, scoprire punti di vista diversi, confidarsi con gli sconosciuti, lasciarsi sorprendere dal caso. Matteo Cavezzali – instancabile giramondo, abituato a macinare chilometri da quando, ragazzino, percorreva autostrade e sterrati con la sua famiglia a bordo del 'Supercamper' – ci regala con questo libro un viaggio sorprendente tra memoria personale e resoconto di tradizioni, miti, credenze, gusti. Ci svelerà modi di affrontare paure antiche e di mettersi in gioco. Ci racconterà di tramonti visti dall'Egeo e di albe baltiche. Ci illustrerà modi diversi di pensare alla vita, ai figli, al lavoro e all'amore, di confrontarsi con la solitudine e con la società. E scopriremo la comune umanità che come un'armonica sinfonia risuona a tutte le latitudini, dalle campagne francesi alle luci di New York, dall'Estremo Oriente all'America Latina. Per poter rimetterci in viaggio.

Su e giù per le montagne
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Penazzi, Irene <1989->

Su e giù per le montagne / Irene Penazzi

Terre di mezzo, 2021

Abstract: Una passeggiata all’aria aperta lunga 1 anno! Tra stambecchi e marmotte, notti in tenda col falò a guardare le stelle, giochi in riva al lago, boschi pieni di funghi e castagne da raccogliere in compagnia… E se piove, ci si rifugia al calduccio di una baita accogliente. Dodici mesi di amicizia e condivisione durante i quali i tre protagonisti vivono le più belle esperienze che la vita in un ambiente montano offre, attraverso le stagioni. Un percorso tra sentieri e vallate guadando fiumi e costeggiando laghi, camminando lentamente per osservare il cielo e la natura, fermandosi a mangiare lamponi, a costruire capanne, e poi rincorrere le capre, giocare a fare gli stambecchi, seguire la linea dell’orizzonte verso nuovi colori, osservare le varietà di fiori, riconoscere le impronte, raccogliere funghi e castagne, accendere il fuoco, fare a gara sulla neve. L’importante… è non dimenticare la mappa!

Orlando
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ungerer, Tomi <1931-2019>

Orlando : l'avvoltoio coraggioso / [Tomi Ungerer]

Lupoguido, 2021

Abstract: Qualcuno ha mai visto un avvoltoio sorvolare le aride lande del vecchio West in cerca di buoni propositi, invece che di carogne da beccare? Certo che no, a meno che... non abbia sfogliato le pagine scanzonate e ironiche di un libro di Tomi Unger.. e dove sennò? E che nome eroico ha dato al suo simpatico avvoltoio, che sorvola le sabbie e i cactus del Messico: nientemeno che Orlando! Tutt'altro che furioso, l'avvoltoio se ne vola spensierato, quand'ecco che trova un povero cercatore d'oro in fin di vita, appena derubato da qualche canaglia. Lungi dal farsi venire l'acquolina in bocca, Orlando fruga il pover'uomo e, trovata una foto della famiglia, decide di raccogliere le sue cose in un fagotto e di cercare moglie e bambino del malcapitato. La maestra del villaggio gli mostra la rotta sul mappamondo e Orlando vola fin in Vermont, dove scova il piccolo Finley e sua madre. Col bambino sarà intesa prima vista - suggellata da frullati e hamburger alla tavola calda - e, col ricavato delle pepite che Orlando ha preso dalla tasca del padre, i tre partiranno alla volta del Messico sulle tracce del pover'uomo. Come in ogni storia del vecchio West, non mancano le insidie e gli agguati, e il prode Orlando dovrà strappare il piccolo Finley alle grinfie di due brutti ceffi. Ma la famiglia finirà per riunirsi, scegliendo di vivere in un villaggio messicano, insieme a Orlando, naturalmente, che diventerà il primo avvoltoio domestico di tutto il Messico!

Non perderti niente
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barbarossa, Luca <1961->

Non perderti niente : romanzo autobiografico / Luca Barbarossa

Mondadori, 2021

Abstract: Mentre fervono i preparativi per la festa dei suoi sessant'anni Luca Barbarossa è sia il padre felice sia il ragazzino che medita la fuga per non mancare agli appuntamenti con gli imprevisti. Si sottrae alla dittatura anagrafica, partendo in libertà a bordo di pagine che pulsano di incontri straordinari con Maradona e Pavarotti, Benigni e Bruce Springsteen, non più importanti e formativi di quelli con una spogliarellista spagnola, un pescatore cubano, un mago messicano e il suo gallo Django. Non perderti niente è la sua autobiografia irregolare, quasi un romanzo di formazione che procede chiedendo passaggi in autostop alla memoria, per tornare alle piazze europee che da adolescente batteva con stivali texani ai piedi e chitarra in spalla, o ai grandi palchi, ai successi sanremesi, prendendosi gioco del tempo che «si allunga, si accorcia, è prematuro, in ritardo. Qualche volta però è di una puntualità spiazzante». Canzoni come Roma spogliata, Via Margutta, L'amore rubato, Portami a ballare e Passame er sale non sono mai slegate da vicende personali e nazionali: il cineforum alla sezione della Fgci di Mentana, gli anni di piombo, Roma, la Roma, il Social Club, gli amori tossici, fugaci, eterni. Tutto narrato con ironia e intensità in questa appassionata ode a quel viaggio incredibile che è la vita, che cambia e sorprende a ogni curva. Lui, che da ragazzetto avrebbe voluto essere Adriano Panatta, è diventato uno dei più rispettati artisti italiani.

La moda della vacanza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La moda della vacanza : luoghi e storie 1860-1939 / Alessandro Martini, Maurizio Francesconi

Torino : Einaudi, 2021

Saggi ; 1012

Abstract: «Io non ho mai aspirato a essere un grande viaggiatore. Sono stato, più semplicemente, un giovane tipico del suo tempo». Lo scrittore britannico Evelyn Waugh rievoca così i suoi anni Venti e Trenta: «Si viaggiava perché ci veniva naturale farlo. Sono contento di averlo fatto quando viaggiare era un piacere». [...] Fra il 1815 e il 1914 il numero delle stazioni balneari e termali raddoppia sul solo territorio britannico, mentre aumenta di venti o trenta volte sul continente europeo. Si seguita a trascorrere l'estate e parte dell'autunno nelle ville di proprietà e perdurano i flussi legati alle «stagioni» nelle grandi capitali, non solo europee. Londra, Parigi e New York attraggono con feste, mostre e grandi esposizioni, musei, concerti, teatri di prosa e d'opera, appuntamenti dai couturiers e negozi di lusso. Tuttavia sempre più spesso ci si reca a «passare le acque» nei centri termali, ormai numerosi e ben attrezzati, si va al lago e di lì in montagna per esplorare, scalare, anche sciare; ci si bagna d'acqua e poi di sole nelle stazioni balneari di nuova fondazione, sui lidi prima nordeuropei e poi mediterranei. Si viaggia addirittura verso l'oriente, alla ricerca delle più varie e impensabili suggestioni esotiche, spinti da interessi economici, afflati religiosi, passioni archeologiche. È l'età d'oro del turismo, durante la quale le élite - prima l'aristocrazia, poi l'alta borghesia - costruiscono canoni di gusto, dinamiche di relazione, strutture funzionali a soddisfare aspettative del tutto nuove, nel rispetto di standard adeguati. È un processo che tende a uniformare i gusti e le mode dei diversi paesi, superando i confini e addirittura l'Atlantico.

La prima neve
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Asadi, Elham <1971-> - Bello, Sylvie <1980->

La prima neve / Elham Asadi & Sylvie Bello

Topipittori, 2021

Abstract: Un’antica leggenda del folklore iraniano narra che ogni anno Naneh Sarma, che vive in cielo oltre le nuvole, attende l’arrivo di Norooz. Nell’attesa, fa grandi pulizie in casa, preparandosi ad accogliere quello che immagina sarà il suo bellissimo futuro sposo. Anche Norooz sogna Naneh, ma quando finalmente arriva da lei, il 21 marzo, la trova immersa in un sonno profondo a causa della lunga attesa.

Il cattivo poeta
0 0 0
Videoregistrazioni: DVD

Il cattivo poeta / [regia di] Gianluca Jodice

[S.l.] : Rai Cinema : Eagle Pictures, 2021

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • Prestabile dal: 02/03/2023

Abstract: Italia, 1936. Giovanni Comini è appena stato promosso alla carica di Federale e viene trasferito a Roma per una missione delicata: vegliare sullo scrittore Gabriele D'Annunzio e fare in modo che non dia nessun tipo di problema. D'Annunzio, poeta riconosciuto a livello nazionale, è sempre più inquieto e Benito Mussolini teme che possa minare l'alleanza con la Germania nazista.

Fango e stelle
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Wheeler, Sara <1961->

Fango e stelle : viaggio in Russia in compagnia di Puskin, Tolstoj e altri geni dell'età dell'oro / Sara Wheeler ; traduzione dall'inglese di Serena Prina

Pozza, 2021

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Ripercorrendo il paesaggio letterario russo, Sara Wheeler svela l’anima di una nazione ben diversa da quella descritta oggi dai giornali: un grande paese in cui le glorie letterarie del passato continuano a essere fonte d’ispirazione per la vita concreta, le lotte e la cultura dei suoi abitanti. Puškin era un uomo licenzioso, lascivo, impetuoso, che ben di rado si lasciava sfuggire l’occasione di una rissa. Non ebbe mai un lavoro vero e proprio e, per lo più, visse con i soldi di suo padre. Dostoevskij usciva di casa con temperature rigidissime e sedeva poi per ore in una sala riscaldata per correggere le bozze. Spesso lavorava quindici ore al giorno e aveva sei attacchi epilettici alla settimana. Gogol’ aveva le gambe corte e un’andatura goffa, portava i capelli lisci che gli penzolavano ai lati del collo e il naso era tanto lungo e aguzzo che era in grado di toccarlo con il labbro inferiore: forse è per questo che le sue prime storie raccontano tanto bene gli odori. Tolstoj era l’uomo più famoso di tutta la Russia, dopo lo zar, e indubbiamente uno dei più egoisti. Morì in una stazione, un decesso appropriato, dato che nelle sue narrazioni associò spesso la ferrovia alla morte: Anna Karenina perisce sotto un treno, e lungo tutto il romanzo eponimo la ferrovia rappresenta l’orrenda minaccia della modernità, l’adulterio, l’incubo. Attraverso otto fusi orari, viaggiando sulla Transiberiana in inverno e navigando sul Mar Nero in estate, Sara Wheeler raggiunge i luoghi più disparati e remoti della Russia per raccontare gli scrittori dell’Età d’Oro, i mostri sacri della letteratura russa del XIX secolo, coloro che ancora oggi continuano a dominare la letteratura mondiale.

Un altro giro
0 0 0
Videoregistrazioni: DVD

Un altro giro / [regia di] Thomas Vinterberg

[S.l.] : Sound Mirror : Eagle Pictures, 2021

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • Prestabile dal: 16/03/2023

Abstract: Ispirati da una teoria secondo cui l'alcol promuove la creatività, quattro insegnanti di liceo si lanciano in un esperimento. Consumano costantemente alcol per vedere come influisce sul loro insegnamento. E i risultati non mancano.

Sulle origini della vita, del significato e dell'universo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Carroll, Sean <1966->

Sulle origini della vita, del significato e dell'universo : il quadro d'insieme / Sean Carroll ; traduzione di Daniele A. Gewurz

Einaudi, 2021

Abstract: Dove siamo? E perché siamo proprio qui? Le nostre credenze, speranze e sogni hanno qualche significato là fuori nel vuoto? Il pensiero e le intenzioni degli uomini potranno mai accordarsi con una visione scientifica del mondo? Sean Carroll è considerato uno dei piú importanti fisici teorici della sua generazione, in grado di affrontare la questione del bosone di Higgs e delle dimensioni alternative dell'universo insieme ai problemi fondamentali dell'esistenza dell'uomo. In questo libro mette a frutto i suoi studi scientifici per confrontarsi con il mondo della conoscenza, le leggi della natura e le domande piú profonde sulla vita, la morte e il nostro posto all'interno del tutto. Attraverso brevi capitoli, ricchi di sorprendenti aneddoti storici, episodi personali e rigorose spiegazioni, scopriamo le differenze e le relazioni tra diversi mondi: quantistico, cosmico e umano. Quella di Carroll è una visione scientifica dell'universo senza precedenti, dove la meccanica quantistica e la relatività generale incrociano filosofia ed esperienze quotidiane e che, muovendosi dal big bang al significato dell'esistenza, ambisce a restituire una spiegazione complessiva della realtà. Un tour de force da affiancare alle opere di Stephen Hawking, Carl Sagan, Daniel Dennett ed Edward O. Wilson.