Includi: tutti i seguenti filtri
× Autore Antonio Talia

Trovati 4 documenti.

La stagione delle spie. Indagine sugli agenti russi in Italia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Talia, Antonio

La stagione delle spie. Indagine sugli agenti russi in Italia

minimum fax, 29/08/2023

Abstract: Il 30 marzo 2021, in un parcheggio alla periferia di Roma, i carabinieri del ros arrestano con l'accusa di spionaggio Walter Biot, capitano della Marina militare italiana, e Dmitrij Ostrouchov, ex funzionario dell'ambasciata russa e agente dei servizi segreti di Mosca. Il caso Biot non è un episodio isolato né una vicenda marginale, ma l'ultimo anello di una campagna molto più vasta: professori doppiogiochisti e ingegneri che trafficano in tecnologie militari, funzionari degli apparati portoghesi in cerca di vendetta e ufficiali dell'esercito francese in crisi d'identità, imprenditrici dalla tripla vita, milionari siberiani in fuga ed ex operativi del kgb mai davvero in pensione sono solo alcuni dei personaggi che la Russia ha manovrato negli ultimi anni, sfruttando l'Italia come porto franco e meta privilegiata per lo scambio di informazioni coperte da segreto di stato. Se le campagne di intelligence rappresentano il lato riservato della politica, La stagione delle spie illumina gli anni che precedono e accompagnano l'invasione dell'Ucraina e ci conduce da Lisbona a Parigi, da Helsinki a Washington, dentro le stanze delle agenzie di intelligence e nella psicologia degli agenti coinvolti, fino all'epicentro di tutto: l'ambasciata della Federazione Russa a Roma e i palazzi del potere romano, che per lungo tempo hanno intrattenuto con Mosca un rapporto complesso e carico di ambiguità.La stagione delle spie è un reportage costruito con fonti dirette, documenti riservati e incontri con i protagonisti, il racconto di una lunga operazione di spionaggio condotta attraverso furti di dossier, appuntamenti segreti e altre regole d'ingaggio classiche, che nell'era della sorveglianza elettronica e degli opinionisti da talk show sembravano dimenticate.

La stagione delle spie
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Talia, Antonio <1977->

La stagione delle spie : indagine sugli agenti russi in Italia / Antonio Talia

Minimum fax, 2023

Abstract: Un reportage costruito con fonti dirette, documenti riservati e incontri con i protagonisti. Il 30 marzo 2021, in un parcheggio alla periferia di Roma, i carabinieri del ROS arrestano con l’accusa di spionaggio Walter Biot, capitano della Marina militare italiana, e Dmitrij Ostrouchov, ex funzionario dell’ambasciata russa e agente dei servizi segreti di Mosca. Il caso Biot non è un episodio isolato né una vicenda marginale, ma l’ultimo anello di una campagna molto più vasta che la Russia ha manovrato negli ultimi anni, sfruttando l’Italia come porto franco e meta privilegiata per lo scambio di informazioni coperte da segreto di stato. "La stagione delle spie" è un reportage costruito con fonti dirette, documenti riservati e incontri con i protagonisti, il racconto di una lunga operazione di spionaggio condotta attraverso furti di dossier, appuntamenti segreti e altre regole d’ingaggio classiche, che nell’era della sorveglianza elettronica e degli opinionisti da talk show sembravano dimenticate.

Milano sotto Milano. Viaggio nell'economia sommersa di una metropoli
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Talia, Antonio

Milano sotto Milano. Viaggio nell'economia sommersa di una metropoli

minimum fax, 16/09/2021

Abstract: Negli anni Dieci del nuovo millennio, in controtendenza con il resto d'Italia, Milano ha sprigionato al massimo la sua vocazione mercantile vecchia di secoli: nel quinquennio 2014-2019 il Pil milanese è cresciuto del 9,7%, rispetto al 4,6% nazionale, e la città rientrava sistematicamente nelle classifiche sulle global cities stilate dai quotidiani finanziari internazionali, attirando più di un terzo di tutti gli investimenti diretti dall'estero verso l'Italia. Ma Milano non è solo la città più ricca d'Italia: è anche la città dove il denaro circola più velocemente, come una corrente sotterranea della quale spesso sembra impossibile rintracciare l'origine. È una città di fiumi interrati e pozzi neri, corsi d'acqua sepolti sotto strade e palazzi, e adesso che il Coronavirus si è abbattuto su Milano come l'anomalia definitiva, i flussi di denaro sepolti rischiano di esondare, rivelando collegamenti inediti, affiliazioni sospette e, spesso se non sempre, una contiguità preoccupante tra economia e crimine.Prendendo le mosse da un delitto rimasto insoluto per un paradossale eccesso di possibili piste, affidandosi all'istinto e al rigore del grande cronista, Antonio Talia percorre in lungo e in largo la città e il suo hinterland, raccogliendo una prodigiosa quantità di fatti e fattacci, storie e personaggi. E ci racconta una Milano inedita nella quale convergono e agiscono vecchie bande locali e 'ndrine, artisti del riciclaggio e immobiliaristi senza scrupoli, piccoli trafficanti e sopravvissuti di Tangentopoli. Tutti accomunati da un unico Dio: il denaro, e il riconoscimento sociale che porta con sé.

Statale 106
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Talia, Antonio <1977->

Statale 106 : viaggio sulle strade segrete della 'Ndrangheta / Antonio Talia

Minimum fax, 2019

Abstract: Un viaggio di 104 chilometri su una strada a doppio senso, stretta tra le acque del mar Jonio e le pendici dell'Aspromonte: il percorso da Reggio a Siderno dura solo un'ora e mezza di auto, ma dalla Calabria si ramifica attraverso cinque continenti e oltre quarant'anni di crimini. Dall'omicidio del potentissimo amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Lodovico Ligato fino a maxioperazioni di riciclaggio a Hong Kong; dai rapporti privilegiati coi narcos colombiani fino al brutale assassinio del giornalista Ján Kuciak e della fidanzata Martina Kusnírová, in Slovacchia; dal più grande carico di ecstasy di tutti i tempi nascosto nel porto di Melbourne fino alle guerre che stanno insanguinando i sobborghi di Montréal e Toronto: guidare sulla Statale 106 significa risalire fino alla sorgente del fenomeno globale 'ndrangheta, un'organizzazione capace di celebrare i riti ancestrali di una Madonna in lacrime mentre mette a segno spericolate operazioni finanziarie internazionali da milioni di euro. "Statale 106" è un viaggio dentro la storia e la psicogeografia, e il suo punto d'arrivo non può che essere quello di decifrare la mente degli affiliati. Con l'istinto del giornalista d'inchiesta, la passione del romanziere e l'emozione di chi racconta la propria terra d'origine, Antonio Talia ha costruito un reportage lucido e pieno di rabbia, un'immersione nel male che ha il sapore aspro della verità.