Includi: tutti i seguenti filtri
× Autore Chandra Livia Candiani

Trovati 54 documenti.

Pane del bosco
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Candiani, Chandra Livia <1952->

Pane del bosco : 2020-2023 / Chandra Candiani

Einaudi, 2023

Abstract: Dopo aver lasciato definitivamente Milano ed essersi trasferita in una casa immersa nel bosco dell’Alto Vergante, tra il Lago Maggiore e il Lago d’Orta, la scrittrice Chandra Candiani torna con una nuova raccolta di poesie intitolata “Pane del bosco”. La sua nuova vita in simbiosi con la natura e il rafforzamento del suo legame con alberi e animali hanno ispirato queste nuove poesie, che diventano un omaggio autentico al mondo naturale e animale. La protagonista di questi primi versi è la stessa bambina già incontrata nei precedenti libri di poesia di Chandra. In questa nuova avventura la giovane si trova in compagnia di un puma e di un lupo, due angeli che appartengono al mondo selvatico: «Caro bosco / vengo a te in cerca della ferita che ci precede». Attraverso le strofe che si susseguono scoprirà l'equilibrio perfetto e la giusta armonia per vivere a contatto con la natura. Si lascerà attraversare dalla luce, dal vento e dal respiro di ogni creatura vivente, si unirà al ritmo collettivo che pervade ogni angolo del bosco, diventando così parte integrante della sua pulsante vitalità.

Piccole e grandi orse
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gervais, Bernadette <1959->

Piccole e grandi orse / Bernadette Gervais ; traduzione di Chandra Candiani

Emme, 2023

Abstract: "Piccola Orsa abita con Pandora. Pandora l’ha adottata quand’era piccola. Piccola Orsa è molto fiera di vivere con lei. Lei è così tonta e Pandora così intelligente…". Una storia illustrata che esplora con precisione e semplicità i meccanismi di persecuzione, abuso emotivo e negazione, e che insegna a piccoli e grandi che c’è sempre qualcuno disposto ad aiutarci.

Sogni del fiume
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Candiani, Chandra Livia - Bossù, Rossana

Sogni del fiume

EINAUDI, 06/09/2022

Abstract: Quindici storie che formano un'educazione sentimentale e ci parlano di solitudine e fame d'amore. Di vita che scorre incessante. Da piccola Chandra Candiani faceva un gioco: vedere quante piú cose insignificanti ci fossero in una stanza, sul tram, in una via e accoglierle tutte in uno sguardo, sorridendogli. Si trattava di oggetti, animali, bambini senza niente di speciale, considerati dagli altri insignificanti. Cosí Candiani, divenuta grande, ha deciso di invitarli nelle sue fiabe e li ha lasciati parlare. Soprattutto ha dato una storia a chi di solito una storia non ce l'ha. Una bambina talmente innamorata di un fiume da desiderare soltanto di corrergli accanto fino al mare. Un usignolo malinconico che nessuno vuole, perché nessuno vuole conoscere la tristezza del cuore. Una rosa che non credeva piú nel vento, ma che proprio grazie al vento riesce a risorgere. Una musica felice scesa sulla terra per un bambino troppo strano. Una pattumiera che racconta ai suoi ospiti, nòccioli di frutta, cartacce, lische di pesce, quanto la loro vita sia stata importante. È la solitudine il filo rosso che lega insieme queste quindici storie, eppure in ciascun personaggio echeggia fortissimo il desiderio vivido di essere parte del tutto, di costruire un legame seppure sottile con gli altri, di gridare in silenzio la fame d'amore che li attraversa. Un amore semplice, intrecciato ai piccoli dettagli, alla minimalità dell'esistenza, ai suoni che popolano le campagne, le città; un amore per una vita minima che chiede timidamente di essere vista, ascoltata, osservata nella sua linfa intima.

Un regalo per la nonna
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crowther, Kitty <1970->

Un regalo per la nonna / Kitty Crowther ; traduzione di Chandra Candiani

Topipittori, 2022

Abstract: Mine ha trovato il regalo perfetto per nonna Dorée. “Sarà contenta nonna Dorée?” domanda Mine. “Contentissima. Sarà felice che la pensi”, risponde Poka. Mine va a dormire contenta. Dorme profondamente, quando una vocina la sveglia...

Al cinema
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crowther, Kitty <1970->

Al cinema / Kitty Crowther ; traduzione di Chandra Candiani

Topipittori, 2022

Abstract: Poka porta la piccola Mine al cinema. “Due biglietti, per favore”, dice Poka in biglietteria. “No, Poka, non due, otto! Siamo in otto”, spiega Mine. Ai piccoli lettori spetterà scoprire con chi andranno al cinema Poka e Mine.

La terra è tua compagna
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lewis, J. Patrick <1942-> - Balbusso, Anna <illustratrice> - Balbusso, Elena <illustratrice>

La terra è tua compagna / J. Patrick Lewis, Anna & Elena Balbusso ; traduzione di Chandra Livia Candiani

Rizzoli, 2022

Abstract: Bellezza e vita sono intorno a noi. Un omaggio potente al nostro pianeta. Montagne, laghi, fiumi, praterie, foreste, deserti sono carichi di una saggezza antica. È questo che ci ricordano le parole potenti e delicate al tempo stesso del poeta J. Patrick Lewis – nella traduzione di Chandra Livia Candiani –, accompagnate dalle illustrazioni di Anna & Elena Balbusso. Pagina dopo pagina, la Natura intera sfila davanti a noi in una maestosa processione, con i suoi mari impetuosi, la quiete dei boschi, lo scintillio della calotte glaciali, i silenzi eterni del deserto. Perché ogni paesaggio ha un messaggio da insegnarci, se sappiamo metterci in ascolto.

Lo stretto sentiero del profondo Nord
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bashō <1644-1694>

Lo stretto sentiero del profondo Nord / Bashō ; traduzione e cura di Chandra Candiani e Asuka Ozumi

Einaudi, 2022

Abstract: Un racconto di viaggio può essere molte cose diverse: un semplice rapporto, un portolano, un promemoria, un romanzo di formazione, un taccuino di appunti, magari in forma di disegni, una raccolta di incontri con volti e persone, un reportage, la cronaca di una fuga, persino un canzoniere. Questo di Bashô, è un pellegrinaggio e nel contempo il ritratto più preciso e profondo del Giappone e del suo spirito, che incontra la lingua italiana nella magia della traduzione di Chandra Candiani e Asuka Ozumi. Siamo nel 1688, Bashô è forse il più grande poeta contemporaneo. Il percorso narrato, in realtà solo parte di un itinerario più lungo, dura circa centocinquanta giorni in un territorio all'epoca quasi selvaggio, comunque pericoloso: «ho [...] intrapreso questo pellegrinaggio in terre remote nella consapevolezza della vacuità di tutte le cose, pronto a rischiare la vita»... La scrittura del viaggio, tuttavia, si prolunga per altri cinque anni, durante i quali Bashô, poeta e maestro di poeti, Maestro zen, inquieto e instancabile viandante, ricorda, probabilmente affina e precisa, forse aggiunge, o elimina, un verso, uno haiku, una parola. Insomma, modifica la cronaca diaristica fino a farne opera , composta tanto dal viaggio in un territorio concreto, fatto di natura incontaminata non meno che di monumenti lasciati dagli uomini e di sterminate reminiscenze letterarie, quanto dal racconto del viaggio dentro un'anima. Lo stretto sentiero del profondo Nord - scrive Asuka Ozumi nella sua prefazione - viene considerato il «capolavoro assoluto» di Bashô. «I mesi e i giorni sono eterni viandanti, e così gli anni, che vanno e vengono, sono viaggiatori. Per chi trascorre la vita su una barca, per chi invecchia tirando il morso del cavallo, ogni giorno è viaggio, e il viaggio è la sua casa [...] Io pure, da chissà quando, sono stato preso dalla brama di errare, invogliato da una nuvola sperduta sospinta dal vento, e ho vagato per le coste».

Sogni del fiume
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Candiani, Chandra Livia <1952->

Sogni del fiume / Chandra Candiani ; illustrato da Rossana Bossù

Einaudi, 2022

Abstract: Quindici storie che formano un'educazione sentimentale e ci parlano di solitudine e fame d'amore. Di vita che scorre incessante. Da piccola Chandra Candiani faceva un gioco: vedere quante piú cose insignificanti ci fossero in una stanza, sul tram, in una via e accoglierle tutte in uno sguardo, sorridendogli. Si trattava di oggetti, animali, bambini senza niente di speciale, considerati dagli altri insignificanti. Cosí Candiani, divenuta grande, ha deciso di invitarli nelle sue fiabe e li ha lasciati parlare. Soprattutto ha dato una storia a chi di solito una storia non ce l'ha. Una bambina talmente innamorata di un fiume da desiderare soltanto di corrergli accanto fino al mare. Un usignolo malinconico che nessuno vuole, perché nessuno vuole conoscere la tristezza del cuore. Una rosa che non credeva piú nel vento, ma che proprio grazie al vento riesce a risorgere. Una musica felice scesa sulla terra per un bambino troppo strano. Una pattumiera che racconta ai suoi ospiti, nòccioli di frutta, cartacce, lische di pesce, quanto la loro vita sia stata importante. È la solitudine il filo rosso che lega insieme queste quindici storie, eppure in ciascun personaggio echeggia fortissimo il desiderio vivido di essere parte del tutto, di costruire un legame seppure sottile con gli altri, di gridare in silenzio la fame d'amore che li attraversa. Un amore semplice, intrecciato ai piccoli dettagli, alla minimalità dell'esistenza, ai suoni che popolano le campagne, le città; un amore per una vita minima che chiede timidamente di essere vista, ascoltata, osservata nella sua linfa intima.

Il Piccolo Principe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Saint-Exupéry, Antoine de <1900-1944>

Il Piccolo Principe / Antoine de Saint-Exupéry ; traduzione di Chandra Livia Candiani ; prefazone di Anna Castagnoli ; illustrazioni di Beatrice Alemagna

Nuova ed.

Mondadori, 2022

Abstract: Il Piccolo Principe è un bambino che ha lasciato l'asteroide B612, il piccolo pianeta su cui abita insieme a una rosa vanitosa, per vagare nello spazio. Durante il suo viaggio sui diversi pianeti conosce un vecchio re solitario, un vanitoso, un ubriacone, un uomo d'affari, un lampionaio e un geografo, ma è sulla Terra che si svolge l'incontro più significativo: quello con un aviatore precipitato nel deserto. Dopo aver trascorso un anno sulla Terra, il Piccolo Principe decide di tornare sul suo pianeta, lasciando al pilota il suo sorriso e un cielo pieno di stelle

Bevendo il tè con i morti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Candiani, Chandra Livia <1952->

Bevendo il tè con i morti / Chandra Livia Candiani ; con un testo di Vivian Lamarque

Interlinea, 2022

Abstract: Dall'autrice di uno dei più recenti casi editoriali di poesia con "La bambina pugile ovvero la precisione dell'amore" (Einaudi) un libro non sulla morte ma sui morti, su un mondo di ombre più vive dei vivi, fantasmi amici e compassionevoli, abitanti di un regno che è la patria della memoria e la compagnia dei solitari. Candiani ci consegna una doppia vista con un linguaggio che ammutolisce grazie a versi che hanno per interlocutore il silenzio.

Questo immenso non sapere
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Candiani, Chandra Livia

Questo immenso non sapere

EINAUDI, 31/08/2021

Abstract: Una buona pratica preliminare di qualunque altra è la pratica della meraviglia. Esercitarsi a non sapere e a meravigliarsi. Guardarsi attorno e lasciar andare il concetto di albero, strada, casa, mare e guardare con sguardo che ignora il risaputo. Esercitare la meraviglia cura il cuore malato che ha potuto esercitare solo la paura. Questo è un libro disordinato. E l'autrice ha scelto di lasciarlo cosí. "Perché ogni disordine ha un suo ordine interno e misterioso. Forse è l'andatura della mente, forse quella del ricordo, forse è l'intenzione di essere volatile o l'aspirazione alla semplicità, in ogni caso è qualcosa di sfuggente che non vuole essere imbrigliato in un piano: come un animale o come un albero della foresta, non addomesticati, inutili, nel senso che non si curano di avere uno scopo, sono in vita e gli basta. Il disordine è questo essere cosí come si è seguendo un filo illogico di stare al mondo". Ognuno di noi nel momento in cui accetta di non sapere si apre alla meraviglia e alla infinita sperimentazione in un inesorabile avvicinamento al mondo animale e vegetale.

Il calcio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crowther, Kitty <1970->

Il calcio / Kitty Crowther ; traduzione di Chandra Livia Candiani

Topipittori, 2021

Abstract: In questa avventura, Mine vuole giocare a calcio. «Ma è uno sport da maschi», ribatte Poka. «E allora?» risponde Mine. Così Poka iscrive Mine a una squadra e le compra un bellissimo paio di scarpette nuove. Ma i compagni di gioco sono un po’ bulli e Mine diventa nervosa…

Le nuove ali
3 0 0
Materiale linguistico moderno

Crowther, Kitty <1970->

Le nuove ali / Kitty Crowther ; traduzione di Chandra Livia Candiani

Topipittori, 2021

Abstract: Mine è caduta e si è rotta un’ala. Poka la porta dal dottore. Ci sono due soluzioni: riparare l’ala ferita o comprare un paio di ali nuove. «Voglio un paio di ali nuove!» esclama Mine e si fa portare ai grandi magazzini…

La domanda della sete 2016-2020
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Candiani, Chandra Livia

La domanda della sete 2016-2020

Einaudi, 22/09/2020

Abstract: "Qualcuno è bravo con i nomi | sa un nome per tutte le cose". Chandra Livia Candiani invece i nomi li confonde, li centrifuga, li riassegna dandogli piú forza. Essere in una stessa poesia cammello, seme di una mela, cane, fiamma e altre cose è rinominare il mondo con un'altra logica. La forte metaforicità di questa poetessa è tutt'uno con la ricerca di fermare in linguaggio il flusso incessante di sensazioni contrastanti ed entità che la attraversano, che ci attraversano. Se nell'atto del camminare dice di essere per metà uccello e per metà albero, non è solo un'analisi precisa della natura umana che tende contemporaneamente a staccarsi da terra e ad ancorarsi ad essa. Non è una semplice iperbole. È la condivisione della natura di uccello e di albero, che stanno dentro quella umana, perché tutte stanno insieme in un'"orchestra del mondo", fatta "di gridi e canti bisbigli e strepiti". Non sempre in perfetta armonia. I versi di Chandra, le sue parole, le sue metafore, vengono da quella partitura.

La domanda della sete
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Candiani, Chandra Livia <1952->

La domanda della sete : 2016-2020 / Chandra Livia Candiani

Einaudi, 2020

Abstract: «Qualcuno è bravo con i nomi sa un nome per tutte le cose». Chandra Livia Candiani invece i nomi li confonde, li centrifuga, li riassegna dandogli piú forza. Essere in una stessa poesia cammello, seme di una mela, cane, fiamma e altre cose è rinominare il mondo con un'altra logica. La forte metaforicità di questa poetessa è tutt'uno con la ricerca di fermare in linguaggio il flusso incessante di sensazioni contrastanti ed entità che la attraversano, che ci attraversano. Se nell'atto del camminare dice di essere per metà uccello e per metà albero, non è solo un'analisi precisa della natura umana che tende contemporaneamente a staccarsi da terra e ad ancorarsi ad essa. Non è una semplice iperbole. È la condivisione della natura di uccello e di albero, che stanno dentro quella umana, perché tutte stanno insieme in un'«orchestra del mondo», fatta «di gridi e canti bisbigli e strepiti». Non sempre in perfetta armonia. I versi di Chandra, le sue parole, le sue metafore, vengono da quella partitura.

Custodi dell'essere
5 0 0
Materiale linguistico moderno

Tolle, Eckhart <1948-> - McDonnell, Patrick <1956->

Custodi dell'essere / testi di Eskhart Tolle ; disegni di Patrick McDonnell ; traduzione di Chandra Livia Candiani

Mondadori libri, 2020

Abstract: Questo libro, nato dalla collaborazione meravigliosa e unica di due autori di riferimento ciascuno nel proprio campo, affianca le parole originali di Eckhart Tolle, maestro di spiritualità, alle incantevoli illustrazioni di Patrick McDonnell, il creatore del famoso fumetto MUTTS. Ogni pagina scalda il cuore e ispira pensieri, intuizioni, e sorridente gratitudine per tutti gli esseri e per ogni istante. Più che una collezione di disegni di delizioso umorismo, il connubio tra l'arte di Patrick McDonnell e le parole di Eckhart Tolle trasmette un profondo amore per la natura, gli animali, gli umani, per tutte le forme di vita. Custodi dell'essere celebra e ci rammenta non solo l'unicità di ogni esistenza ma anche la meraviglia e la gioia nascoste nel momento presente tra le pieghe della bellezza che a volte dimentichiamo di notare tutt'intorno a noi.

Vista dalla luna
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Candiani, Chandra Livia <1952->

Vista dalla luna / Chandra Livia Candiani ; prefazione di Paolo Nori

Salani, 2019

Abstract: «Le poesie di Vista dalla luna parlano di una bambina che si chiama Io. Viene dalla luna perché così le ha detto la madre nei cui ricordi lei non c’è mai. Uno sguardo lunare, uno sguardo divisioni e di distanze l’aiuta a scampare. Una bambina senza tana, fa tana nel sogno. Non è stata sognata, ma ora lei sogna il mondo, sogna gli altri. Queste poesie non fanno appello alle emozioni, ma alle visioni, alla nostra capacità di vedere oltre l’opacità dei fatti, al nostro essere profeti della realtà. (…) La porta è una lunga poesia, una poesia di settantasei pagine. C’è un’infanzia minacciata, c’è il tentativo di salvarsi senza pronunciare parole, orientandosi coi nomi dei fiori, costruendo creature di neve, lasciandosi guidare da animali disegnati. Perché la poesia è un sostegno leggerissimo, quasi impalpabile e salvala vita».

A Susanna piace il rosso
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pastoureau, Michel <1947->

A Susanna piace il rosso / Michel Pastoureau ; [illustrazioni di] Laurence Le Chau ; traduzione di Chandra Livia Candiani

Salani, 2019

Abstract: Michel Pastoureau è un esperto di colori. Li ama, li studia, li racconta ai grandi da moltissimi anni. Ecco perché gli è sembrato che fosse arrivato il momento di accompagnare anche i più piccoli nel suo mondo, fatto di mille sfumature. Il suo viaggio ha inizio dal rosso, il colore della forza, dell’allegria, della bellezza… e il preferito di Susanna, una bambina irresistibile, che sa quello che vuole. La sua storia, leggera e sognante, farà sorridere e riflettere, ma soprattutto insegnerà l’importanza di difendere i propri gusti e le proprie idee, rispettando quelle degli altri. Perché per disegnare c’è bisogno di tutti i colori dell’arcobaleno. Al suo primo libro per ragazzi l'autore firma un albo originalissimo.

Il silenzio è cosa viva. L'arte della meditazione
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Candiani, Chandra Livia

Il silenzio è cosa viva. L'arte della meditazione

Einaudi, 09/10/2018

Abstract: Nel mondo di Chandra, dove la parola è anche immaginee poesia, meditare è anzitutto stare fermi; sedersi e seguireumilmente e con pazienza il respiro, accoglierlo insilenzio, conoscere ma senza pensare. Meditare è seguirei movimenti della nostra mente smettendo di affaccendarciin azioni, pensieri, preoccupazioni per il futuro,ricordi del passato. Meditare non è fare il vuoto intorno anoi. Anzi: è non separare i mondi, non dividere quel checonsideriamo spirituale da quel che riteniamo ordinario.E i gesti quotidiani di cucinare, lavare i piatti, telefonare,pulire, leggere possono diventare forme di preghiera.È insomma stare dentro noi stessi, dentro tutto ciòche siamo in quel momento, consapevolmente. Spessosi pensa che la soluzione al dolore e all'ansia sia altrove,ma è nel dolore la soluzione del dolore (e nell'ansia lasoluzione dell'ansia). Sentendolo, abitandolo, assaporandolo,non è piú un estraneo, ma a poco a poco un ospitescomodo, irruente, tempestoso e infine un pezzo di noi.

Il Drugo e il maestro zen
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Bridges, Jeff - Glassman, Bernie - Candiani, Chandra Livia

Il Drugo e il maestro zen

Mondadori, 16/01/2018

Abstract: Per più di dieci anni l'attore premio Oscar Jeff Bridges e il suo maestro buddhista, il celebre Bernie Glassman, sono stati amici intimi: un legame cresciuto attraverso ore di spumeggianti, profonde conversazioni. Questo libro cattura il vero spirito del loro rapporto, restituendoci dialoghi frizzanti, intensi, colmi di un umanesimo totale. Divertente e ricco di ispirazione, Il Drugo e il maestro Zen ci ricorda costantemente l'importanza di fare del bene in un mondo difficile.